Azione

L’azione è uno strumento finanziario che rappresenta la partecipazione al capitale sociale di una società per azioni o di accomandita per azioni.

Azione: Il valore nominale rimane invariato nel tempo, a prescindere dalle vicende patrimoniali dell’azienda, e può essere cambiato solo attraverso una modifica dell’atto costitutivo della società. Le azioni hanno tutte il medesimo valore nominale, ossia rappresentano tutte un’identica frazione del capitale sociale.

Azione:Il prezzo di mercato è diverso, ossia il prezzo che si determina ogni giorno sui listini di Borsa qualora la società sia quotata. Questo valore indica il prezzo di scambio delle azioni in quel determinato momento ed è determinato dalla legge di domanda e offerta:più un’azione è richiesta sul mercato più il prezzo tende a salire, e viceversa.

L’azione attribuisce al suo titolare i seguenti diritti:

– diritti amministrativi: sostanzialmente il diritto d’intervento e di voto nell’Assemblea degli Azionisti delle societa’ di capitale (Spa, Sapa e Srl);

– diritti patrimoniali: diritto di partecipazione alla distribuzione degli utili (ossia i dividendi) e diritto alla quota di patrimonio spettante in caso di liquidazione della societa’;

– altri diritti (di carattere misto ): come il diritto all’assegnazione di azioni in caso di aumento gratuito del capitale, il diritto di opzione in caso di emissione di nuove azioni a pagamento e il diritto di recesso in casi particolari.

Esistono diverse categorie di azioni:

– azioni ordinarie: sono la forma più tipica perché conferiscono al possessore tutti i diritti. Il principale è il diritto di voto nell’Assemblea ordinaria (durante la quale, principalmente, si vota il bilancio, si nominano e si revocano gli amministratori, viene deliberato, su proposta del Consiglio di Amministrazione, il dividendo) e straordinaria (durante la quale, principalmente, si deliberano modifiche dell’atto costitutivo della società e il diritto di opzione in caso di aumento del capitale sociale a pagamento o gratuito, ecc.).

– azioni privilegiate: hanno un trattamento privilegiato nella ripartizione degli utili e nel rimborso del capitale in caso di liquidazione, ma come contropartita hanno diritto di voto solo nell’assemblea straordinaria.

– azioni risparmio: godono anch’esse di privilegi di natura patrimoniale nella ripartizione degli utili e nel rimborso del capitale in caso di scioglimento della società, ma sono del tutto prive del diritto di voto sia in assemblea ordinaria che straordinaria. Sono quasi sempre al portatore (non è intestata ad alcuna persona, fisica o giuridica), anche se in alcuni casi possono essere emesse o trasformate in nominative (intestata ad una persona fisica o giuridica, con il nome del titolare riportato sul certificato azionario e risultante dal libro dei soci della società emittente).