Bankitalia: si consolida la crescita globale

Nel Bollettino Economico di ottobre 2017, Bankitalia fa il punto sull’andamento dell’economia e sulle prospettive di crescita.

bankitaliaPer Bankitalia le prospettive di crescita dell’economia mondiale sono favorevoli; il commercio internazionale, in ripresa, sta tornando a espandersi più del prodotto. Anche nell’area dell’euro l’attività economica si è rafforzata, ma l’inflazione continua a essere frenata dalla dinamica salariale che in molte economie resta moderata e si accompagna a margini di sottoutilizzo del lavoro tuttora ampi.

Il Consiglio direttivo della BCE ritiene necessario mantenere un grado elevato di accomodamento monetario.

In Italia l’attività economica si è rafforzata nei mesi estivi, sostenuta dalla domanda interna
In base alle stime di Bankitalia il PIL italiano sarebbe aumentato nel terzo trimestre a un ritmo superiore a quello del periodo precedente, sostenuto dall’espansione dei servizi e dell’industria in senso stretto.

Gli indicatori congiunturali suggeriscono che l’espansione continua a essere sostenuta dai consumi e dagli investimenti. L’avanzo di conto corrente si è ampliato, contribuendo a una rapida riduzione della posizione debitoria netta dell’Italia verso l’estero.

L’incremento dell’occupazione è proseguito nei mesi estivi e il numero degli occupati è tornato su livelli prossimi a quelli precedenti l’avvio della crisi globale; le ore lavorate restano però ben al di sotto dei livelli pre-crisi.

Il miglioramento del quadro macroeconomico si riflette positivamente sul sistema bancario
Il credito al settore privato non finanziario è cresciuto, trainato dai finanziamenti erogati alle famiglie e da quelli alle imprese industriali e dei servizi.

Con il consolidamento della ripresa il tasso di deterioramento dei prestiti è tornato in linea con i valori precedenti l’avvio della crisi finanziaria e si è accentuata la riduzione dell’incidenza dello stock di crediti deteriorati sul totale dei prestiti.

I segnali favorevoli sulla crescita, il buon andamento degli utili e la marcata attenuazione delle tensioni nel settore bancario si sono riflessi sulle quotazioni delle banche italiane, salite più di quelle della borsa italiana e delle altre banche europee.