Wall Street in stand-by

Wall Street è già proiettata al prossimo meeting della FED per capire quali e di che entità saranno gli interventi nel 2019.

wall street borsaProsegue la fase di forte correzione che sta caratterizzando l’andamento degli indici di Wall Street dal mese di settembre. Anche le parole più accomodanti di Powell e la tregua tra USA e Cina non hanno avuto l’effetto sperato, avviando un rimbalzo che si è spento piuttosto velocemente.

Da una parte infatti gli entusiasmi per le parole più accomodanti di Powell all’audizione al Congresso, sono stati smorzati dall’intervento di John Williams (presidente della Federal Reserve Bank di New York) il quale ha ribadito che il percorso di rialzo dei tassi proseguirà nel corso del 2019, senza dare ulteriori spunti agli operatori.

L’attenzione degli operatori di Wall Street è ora focalizzata sul prossimo meeting della FED (18 e 19 dicembre) per capire quanti e di che entità potrebbero essere gli interventi della Federal Reserve per il prossimo anno. Anche l’entusiasmo per la tregua tra USA e Cina, è durata poco. La pausa di 90 giorni non ha convinto il mercato che aspetta di conoscere l’esito delle trattative.

Atteggiamento comprensibile visto che Trump non ha atteso tanto prima di tornare a tuonare contro la Cina, con l’arresto della vicepresidente e figlia del fondatore di Huawei. Che i mercati siano tesi poi lo si è visto anche dal forte appiattimento della curva dei tassi USA avvenuta nelle ultime sedute.

Si è assistito infatti ad una riduzione notevole dello spread tra il Treasury USA a 10 anni e quello a due anni, il quale si è ridotto fino a circa 10 punti base*, divario più stretto degli ultimi 11 anni.

Dinamica che ha allarmato i mercati e che fa pensare al fatto che il ciclo economico americano potrebbe essere oramai al top.

*Fonte dati: Bloomberg Finance L.P.

Commento a cura del team Vontobel

Devi essere loggato per commentare Login