USA-Cina, si riduce il rischio di recessione

Oltre all’agricoltura statunitense, il settore finanziario beneficerà maggiormente dell’apertura del mercato cinese che è grande quasi quanto quello USA.

USA CinaGli investitori si stanno prendendo una pausa. Durante il fine settimana gli Stati Uniti e la Cina hanno concordato di elaborare un accordo ad interim che potrebbe essere un primo passo verso la fine di una controversia commerciale protratta ed economicamente dannosa. Si tratta di un accordo globale, che copre un’ampia gamma di questioni, tra cui la tutela della proprietà intellettuale e l’apertura del settore dei servizi finanziari cinesi.

È ancora provvisorio e incompleto, ma non intendo negare il suo significato. Anche se ci sono ancora molte incertezze, sono fiducioso che l’accordo sarà formalizzato presto e durerà. Molto dipende dal fatto che questi accordi della prima fase si fermeranno quando la seconda fase non farà progressi in futuro.

Poiché entrambi i paesi hanno molto in gioco, probabilmente lo faranno. È nel loro stesso interesse raggiungere un accordo formale nelle prossime settimane, invece di lasciare che le relazioni si deteriorino in modo incontrollato.

Il rischio di guerra commerciale persiste

Anche se il rischio di ribasso è ridotto dall’accordo, la guerra commerciale non è finita. C’è ancora il pericolo di un’inversione di tendenza. Ciò che accadrà all’aumento delle tariffe previsto per dicembre è incerto. Tuttavia, almeno entrambe le parti riconoscono che ci sono vantaggi nel raggiungere un accordo. La Cina ha bisogno del suo ambiente esterno per stabilizzarsi. Per gli Stati Uniti, l’accordo non solo riduce il rischio di recessione in futuro, ma apre anche mercati di dimensioni potenzialmente molto grandi. Il resto delle trattative commerciali rischia di trascinarsi senza grandi progressi, ma ciò è ampiamente riconosciuto dal mercato ed è improbabile che faccia deragliare ciò che è stato concordato nella “prima fase”.

Il settore finanziario americano a beneficio: la guerra tecnologica continua

Oltre all’agricoltura statunitense, il settore finanziario beneficerà maggiormente dell’apertura del mercato cinese. Il mercato finanziario cinese è grande quasi quanto quello USA. Rappresenta un’importante opportunità di crescita per le imprese statunitensi. Le società finanziarie statunitensi godono in generale di una buona reputazione e alcune di esse hanno già un buon riconoscimento del marchio in Cina. Dopo la chiusura dell’operazione, i loro guadagni saranno significativi.

Il settore tecnologico è ancora nel limbo. La questione Huawei era “separata” dall’accordo commerciale e dubito che ci sarà una svolta. Anche a lungo termine, ci saranno delle spaccature significative. Tuttavia, non tutte le imprese ne risentono allo stesso modo. Alcune, come Taiwan Semiconductor Manufacturing Co. (TSMC), dovrebbe essere in grado di ottenere buoni risultati in un mondo di incertezze. Ma è importante riconoscere che la “guerra tecnologica” è in corso e la questione di fondo non può essere risolta.

L’accordo fornisce il miglioramento del sentiment economico

Anche se la pressione ciclica in molte parti del mondo è ancora elevata, l’accordo contribuisce ad arginare lo scivolamento verso il basso sia nell’economia cinese che in quella statunitense. L’accordo è di ampia portata. Il raggiungimento di un accordo di questo tipo riduce le incertezze nel mondo. Il mercato avrà bisogno di tempo per apprezzarne l’impatto positivo. Anche l’Europa dovrebbe beneficiare della riduzione del rischio di ribasso. Le economie di mercato emergenti dovrebbero sentirsi sollevate dal fatto che il calo per il renminbi è ufficialmente limitato come parte dell’impegno cinese.

Per far ripartire la crescita, l’economia reale deve rivalutare i rischi

C’è ancora pressione sulle banche centrali per allentare, ma non possono salvare l’economia mondiale da soli. Hanno bisogno che le imprese e le famiglie dell’economia reale rivalutino i rischi, prima che la crescita possa riprendere. L’accordo commerciale riduce il rischio di ribasso, che è un prerequisito per molte imprese per ricominciare a investire. Gli investitori che preferiscono società con reali vantaggi competitivi che possono prosperare anche in presenza di molte incertezze, probabilmente si comportano meglio di coloro che si affidano allo sbocco di liquidità delle banche centrali.

Commento a cura di Jin Zhang – Vontobel Asset Management

Devi essere loggato per commentare Login