Tutte le preoccupazioni di Bernanke

Tutte le preoccupazioni di BernankeIl presidente americano Barack Obama ha affermato di essere piu’ fiducioso in merito al cosiddetto fiscal cliff, lo stesso non puo’ dirsi per Ben Bernanke, numero uno della Federal Reserve (la banca centrale degli Stati Uniti): in effetti, secondo la sua visione soltanto un accordo sulle modalita’ per ridurre i deficit di bilancio di lungo termine potra’ rimuovere un impedimento alla crescita economica. Se tutto questo non dovesse verificarsi, invece, la minaccia alla ripresa sarebbe piu’ che seria.

L’intervento di Bernanke presso l’Economic Club di New York e’ stato ricco anche di altri spunti interessanti. In particolare, la mancanza di un accordo come quello spiegato in precedenza significhera’ con tutta probabilita’ recessione, un evento da scongiurare a tutti i costi. Tutto dipendera’ dall’abilita’ del Congresso di aumentare la copertura del debito in maniera adeguata. In aggiunta, le principali sfide di lungo termine relative al bilancio sembrano gia’ influenzare le spese private e le decisioni di investimento.

Tutta questa cautela dei mercati finanziari rischia di avere degli effetti contrari per quel che riguarda il sistema economico a stelle e strisce. La preoccupazione piu’ grande di Bernanke si riferisce pero’ al prossimo mese di gennaio, quando vi potrebbero essere tagli di spesa e aumenti delle tasse per un totale di seicento miliardi di dollari. Paradossalmente, un motivo di ottimismo dovrebbe giungere da un settore che in questi ultimi anni ha rovinato gli Stati Uniti, quello immobiliare.

Il mercato del real estate, infatti, e’ divenuto uno dei fattori di forza dell’economia, con i tassi ipotecari che sono scesi ai loro livelli minimi (quello trentennale, ad esempio, e’ sceso al 3,34%, come non accadeva da almeno quaranta anni). Allo stesso tempo, le costruzioni di nuove case sono inaspettatamente aumentate a ottobre, che si tratti della proverbiale croce e delizia per la prima economia mondiale?

Autore: simone ricci – Iljournal.it