Standard Poor’s e il crack di Lehman Brothers

Standard Poor’s e il crack di Lehman BrothersIl nome di Lehman Brothers torna a far parlare di se’: i risparmiatori di tutto il mondo possono stare tranquilli, si tratta dell’analisi del comportamento dell’agenzia di rating Standard & Poor’s, le cui valutazioni esagerate nei confronti del colosso finanziario nel 2007 sono oggetto di una causa giudiziaria intentata dagli Stati Uniti. Il principale caso preso in esame ha a che fare con una Cdo (Collateralized Debt Obligation), appunto una obbligazione che ha come garanzia un debito.

Lo strumento della discordia venne emesso da una delle unita’ della New York Life Insurance, la Corona Borealis, cinque anni fa. Fu poi Lehman Brothers a sottoscrivere questo stesso prodotto, con l’agenzia di rating che dimentico’ incredibilmente di mettere in evidenza i rischi insiti in una operazione del genere. Il pasticcio venne poi compiuto quando un’altra compagnia, la Eastern Financial Florida Credit Union, perse i propri investimenti dopo aver acquisito una quota di questa Cdo.

Le accuse sono precise, Standard & Poor’s era consapevole della propria influenza su tali societa’, tanto da porre in essere uno schema per frodare gli investitori. La Eastern Financial e’ riuscita poi a salvarsi, ma soltanto dopo essere stata costretta a una fusione con la Space Coast Credit Union. Il rating assegnato all’offerta obbligazionaria della Corona Borealis ha dell’incredibile, vale a dire l’ormai celebre tripla A che rappresenta il giudizio piu’ alto in assoluto, la massima affidabilita’ per un investimento.

Lo stesso comportamento fu tenuto da Moody’s. Tra l’altro, Corona Borealis ha dichiarato default nel febbraio del 2008. Come gia’ anticipato, Lehman Brothers sottoscrisse la maggior parte di questi titoli pericolosi e rischiosi e la sua fine la conosciamo tutti, ovvero uno dei peggiori fallimenti della storia. Chissa’ cosa sarebbe successo senza quelle valutazioni ottimistiche dell’agenzia, ma purtroppo la storia e’ gia’ stata scritta.

Autore: Redazione – Iljournal.it