Sorgenia (CIR): Business Plan 2011-2016

Il Business Plan 2011-2016 riflette l’avvio di una nuova fase del processo di crescita e sviluppo di Sorgenia. La società, a dodici anni dalla sua costituzione, è vicina al completamento dei principali investimenti previsti nella generazione termoelettrica e ha contestualmente consolidato la propria posizione sul mercato italiano dell’energia.

Tali risultati sono stati raggiunti nonostante i profondi mutamenti avvenuti nel settore a livello nazionale e internazionale a causa della grave recessione economica iniziata alla fine del 2008, anno in cui fu presentato il precedente piano. La crisi ha determinato una sensibile riduzione della domanda energetica nazionale, a fronte di un aumento della capacità produttiva, e un contestuale calo dei prezzi all’ingrosso di elettricità e gas, condizionando i risultati e le prospettive degli operatori, in particolare di quelli non integrati. Oggi il settore è alle prese con una difficile ripartenza, in un contesto più incerto e competitivo.

Con il nuovo Business Plan 2011-2016 Sorgenia si propone di affrontare in modo sempre più efficace l’attuale ciclo economico e di proseguire la sua storia di crescita e creazione di valore per gli azionisti attraverso l’ingresso in nuovi segmenti di mercato, un portafoglio di attività diversificato e bilanciato e una più solida struttura patrimoniale e finanziaria.

Sorgenia si propone di raggiungere nei prossimi sei esercizi una crescita progressiva ed equilibrata dei risultati gestionali in tutte e tre le aree di attività e di rafforzare ulteriormente la propria struttura patrimoniale e finanziaria attraverso la riduzione dell’indebitamento.

Nel periodo 2011-2016 Sorgenia prevede di ridurre progressivamente il rapporto tra indebitamento finanziario netto e margine operativo lordo (Net debt/EBITDA) portandolo al di sotto del valore 4,0x in significativo anticipo rispetto alla fine del piano. Tale rapporto, escludendo gli investimenti che non generano ancora EBITDA, è oggi pari a 6,9x e 6,4x con la partecipata Tirreno Power consolidata rispettivamente a equity o proporzionalmente. Il livello odierno è anche influenzato dalla bassa età media degli investimenti in operation (meno di tre anni su più di 20 anni di vita economica attesa).