Sisma: garantiti i cittadini che ricorrono ai prestiti

I cittadini dell’Emilia-Romagna, della Lombardia e del Veneto non corrono alcun rischio in merito alle condizioni dei finanziamenti.

I cittadini dell’Emilia-Romagna, della Lombardia e del Veneto non corrono alcun rischio in merito alle condizioni dei finanziamenti previsti in conseguenza del sisma del 20 e 29 maggio 2012 coperti dal credito di imposta per i danni alle abitazioni e alle imprese e disciplinati dalla convenzione tra la Cassa Depositi e Prestiti e l’ABI, l’associazione bancaria italiana,

Il Governo infatti garantisce la stabilità e la continuità del quadro normativo e regolamentare vigente e livelli di tutela per il beneficiario adeguati per l’intero importo e durata del finanziamento, senza alcun rischio nel tempo.

L’impegno del Governo è stato ribadito dalla recente approvazione di una disposizione, contenuta nel decreto-legge 28 giugno 2013, n. 76, che assicura la detassazione di contributi, indennizzi e risarcimenti a qualunque titolo ottenuti in relazione al sisma.

Devi essere loggato per commentare Login

Rispondi