Richieste di mutui in calo, la crisi incalza

altIl 2011 chiude i battenti con tanti dati in negativo, tra questi, segnaliamo il vistoso calo della richiesta di mutui, chiaro segno della crisi economica che colpisce le famiglie italiane.

Una società specializzata nel campo creditizio, il Crif, rileva che la richiesta di mutui nel mese di novembre 2011 è calata del 46%.

La notizia non costituisce una novità, sono giorni, anzi, mesi che si parla e si scrive di questo fenomeno preoccupante, la richiesta minore significa disagio per le persone che non possono progettare il proprio futuro e significa anche crisi del sistema bancario.

Il punto che si vuole sottolineare in questo post, però, è che i mutui non sono solo funzionali all’acquisto della casa, si ricorre ai mutui anche per coprire, per esempio, spese di ordinaria amministrazione.

La crisi dei mutui e del settore dei prestiti in generale pone il problema di capire come fanno le persone che non hanno accesso al credito a reperire le risorse necessarie per vivere.

Sarebbe interessante, quindi, che i dati relativi alla richiesta di mutui fossero letti insieme ai dati relativi all’usura per capire se le persone stanno ricorrendo ai canali non ufficiali per reperire liquidità.

Riuscirà Mario Monti a traghettare l’Italia verso la ripresa economica?

Mutuonews.it – Creative Commons