Recordati: 2020 anno di crescita e nuovi investimenti

I risutati preliminari del 2019 di Recordati evidenziano la continua crescita dei ricavi e degli utili.

recordatiNel 2019 i ricavi netti consolidati di Recordati sono stati pari a € 1.481.8 milioni, in aumento del 9,6%, l’EBITDA(1) è salito a € 544,0 milioni, +9%, l’utile operativo è stato pari a € 465,3 milioni, +5,2%, l’utile netto si è attestato a € 368,9 milioni, +18,1% (comprende un beneficio fiscale straordinario di € 27 milioni derivante dal “Patent box” concordato con le autorità fiscali italiane nel mese di dicembre 2019).

Escluso questo beneficio l’utile netto sarebbe stato di € 341,9 milioni, +9,4%.

La posizione finanziaria netta (2) ha evidenziato un debito netto di € 902,7 milioni.

Gli obiettivi per il 2020 prevedono un’ulteriore crescita di ricavi ed EBITDA(1) in linea con i target del piano triennale.

Nel periodo sono state distribuiti dividendi per € 190,9 milioni. Inoltre, è stata fatta un’importante acquisizione e ottenute licenze di nuovi prodotti per un valore complessivo di circa € 425 milioni.

L’ Amministratore Delegato Andrea Recordati ha dichiarato: “Siamo molto soddisfatti dei successi e degli ottimi risultati ottenuti nel 2019. Nei prossimi anni continueremo il nostro sviluppo sia attraverso la crescita organica sia attraverso una strategia di acquisizioni, mirata al rafforzamento del nostro portafoglio prodotti e al potenziamento ulteriore della nostra pipeline, specialmente nel campo delle malattie rare. Il 2020 sarà un anno importante di investimenti in queste nuove opportunità e di continua crescita, nel quale prevediamo di realizzare ricavi compresi tra € 1.550 milioni e € 1.580 milioni, un EBITDA compreso tra € 580 e € 590 milioni, un utile operativo compreso tra € 490 e € 500 milioni e un utile netto compreso tra € 360 e € 370 milioni.”

(1) Utile netto prima delle imposte, degli oneri e proventi finanziari netti, degli ammortamenti e delle svalutazioni di immobilizzazioni materiali e attività immateriali.
(2) Investimenti finanziari a breve termine e disponibilità liquide, meno i debiti verso banche e i finanziamenti a medio/lungo termine, inclusa la valutazione al fair value degli strumenti derivati di copertura.

Devi essere loggato per commentare Login