OPEC: tagli alla produzione di petrolio necessari

I timori di un peggioramento delle relazioni commerciali USA-Cina potrebbero dissiparsi e dare un nuovo impulso al prezzo del petrolio.

prezzo petrolio economia globaleL’OPEC non ha altra scelta che estendere i tagli nella prossima riunione del 1° luglio (OPEC) e del 2 luglio (OPEC+). I tagli alla produzione sono necessari per sostenere ulteriormente il prezzo del petrolio, che ultimamente ha subito pressioni a causa dei nervosismi della recessione globale e dei timori della guerra commerciale. Tuttavia, le aspettative di un approfondimento dei tagli sono fuori luogo. Solo se l’OPEC riterrà che la domanda di petrolio greggio si indebolirà notevolmente, ad esempio a causa dell’evento di una guerra commerciale tra Stati Uniti e Cina, potrebbe sentirsi spinta ad aumentare i tagli. Ciò che è più probabile è che l’OPEC si concentrerà sul rispetto delle quote di produzione. Ciò significa che, nella seconda metà dell’anno, l’Iraq e alcuni altri imbroglioni delle quote saranno sottoposti ad una maggiore pressione affinché si conformino pienamente alla normativa nella seconda metà dell’anno.

Guardando più avanti, ora che all’orizzonte è apparsa una riunione amichevole tra Trump e Xi, i timori di un peggioramento delle relazioni commerciali USA-Cina potrebbero dissiparsi e dare un impulso al prezzo del petrolio che potrebbe raggiungere i precedenti massimi di 75 USD al barile in un periodo di tempo relativamente breve. La seconda metà del 2019 potrebbe vedere il rialzo del prezzo del petrolio ancora di più come risultato di tre principali indicatori rialzisti:

Risoluzione della controversia commerciale USA-Cina
Regolamento dell’Organizzazione marittima internazionale (IMO) che obbliga le compagnie di navigazione ad utilizzare carburanti di migliore qualità
Potenziali interruzioni dell’approvvigionamento in Medio Oriente a causa del peggioramento delle relazioni USA-Iran.

Detto questo, è improbabile che l’Arabia Saudita permetta al prezzo del petrolio di avvicinarsi al livello dei 100 USD e che aumenti la produzione per mettere un freno ad ulteriori aumenti di prezzo.

Iran

Mentre è probabile che l’OPEC+ fornisca un sostegno ai prezzi del petrolio greggio, l’Iran potrebbe farlo salire vertiginosamente. Molto dipende da come gli Stati Uniti e l’Iran regoleranno le loro ghette. Donald Trump ha due opzioni principali per rispondere ai presunti attacchi di petroliere e droni iraniani nell’area dello Stretto di Hormuz: lo sciopero militare o altre sanzioni. Tuttavia, entrambe sono problematiche per Trump ma rialzisti per il petrolio greggio.

Potrebbe optare per una risposta militare. Tuttavia, questo significherebbe rompere la sua promessa elettorale “America First”. Inoltre, è improbabile che un’escalation militare porti l’Iran al tavolo dei negoziati.

Il male minore delle due opzioni e l’alternativa più probabile è l’imposizione di ulteriori sanzioni economiche all’Iran. La sua efficacia è discutibile, tuttavia, dato che la pressione economica sull’Iran attraverso le sanzioni statunitensi ha quasi raggiunto il massimo. Tuttavia, rispetto al conflitto militare aperto, questa strategia ha almeno una possibilità che l’Iran riprenda i negoziati, anche se di modesta entità. Di conseguenza, il risultato più probabile è che vedremo eventi più distruttivi intorno allo Stretto di Hormuz, costringendo alla fine una risposta militare da parte degli Stati Uniti. Con tutti questi vicoli ciechi, il miglior risultato che l’Iran può sperare è che le interruzioni dei flussi di petrolio diventeranno troppo costose per il mondo, costringendo gli Stati Uniti a cedere o, in alternativa (e più probabilmente) spingendo Cina, Europa e altri paesi ad aggirare le sanzioni statunitensi aumentando le loro importazioni di petrolio greggio iraniano.

In questo contesto, ci sono alcune date chiave da tenere a mente, che influenzeranno pesantemente la prossima mossa dell’Iran:

28 + 29 giugno, vertice del G20: l’Iran ha accumulato in Cina una quantità significativa di scorte di petrolio greggio che potrebbe essere venduta se la Cina sceglie di aggirare le sanzioni statunitensi (e con esso il sistema di pagamento Eurodollar/SWIFT). La probabilità che ciò si verifichi dipende dall’esito dei negoziati commerciali USA-Cina. Un’escalation della guerra commerciale aumenterebbe certamente la probabilità che i cinesi eludano il sistema di pagamento Eurodollaro/SWIFT istituendo un meccanismo di transazione alternativo. Tuttavia, le aspettative sono che il vertice del G20 vedrà un incontro amichevole Trump-Xi che renderà improbabile un’escalation della guerra commerciale – per ora.

7 luglio, scadenza Iran: l’Iran ha fissato una scadenza per l’UE per presentare una risposta al ritiro degli Stati Uniti dall’accordo nucleare iraniano. Se l’UE dovesse rimanere in silenzio, l’Iran potrebbe sentirsi tentato di perturbare ulteriormente il trasporto di petrolio attraverso lo Stretto di Hormuz. Anche con un veicolo per aggirare il sistema di pagamento Eurodollar/SWIFT, è improbabile che l’UE sia in grado di fornire sufficiente sostegno economico all’Iran. Se gli attacchi nello Stretto di Hormuz dovessero continuare in luglio, invierebbe un chiaro segnale agli spedizionieri che la sicurezza non può essere garantita quando si passa lo Stretto di Hormuz finché le esportazioni iraniane sono limitate.

Commento a cura di Jon Andersson, Head of Commodities di Vontobel Asset Management

Devi essere loggato per commentare Login