Mini S&P500 del 3 gennaio

altChiusura leggermente negativa per il future Mini SP500 che registra un -0.12% attestandosi a quota 1253. Nonostante la seduta si sia conclusa in lettera non sono scaturite figure tecniche di rilievo che possano preludere ad un continuazione del movimento ribassista. Dall’analisi intraday si evince una configurazione tecnica tendenzialmente neutrale. Non sono infatti scaturite motivazioni tecniche convincenti per lo sviluppo di movimenti direzionali al rialzo o al ribasso. E’ ipotizzabile quindi un andamento dei prezzi compreso tra le aree di supporto e di resistenza. In ottica rialzista primi segnali di inversione della tendenza potrebbero scaturire da un consolidamento al di sopra di area 1257.75 mentre invece prime indicazioni per l’avvio di una fase di debolezza verrebbero fornite dall’infrazione di area 1249.5. In configurazione neutrale i maggiori oscillatori di riferimento ed in particolar modo il Momentum che non fornisce ancora segnali di forza significativi in quanto presenta valori situati nella parte centrale del range di oscillazione. Dall’analisi volumetrica si riscontra una diminuzione degli scambi rispetto alla rilevazione precedente.

Per ricevere il Report Operativo entro le ore 08:30 nella tua casella di posta elettronica diventa Cliente Premium sottoscrivendo una delle opzioni di abbonamento disponibili all’indirizzo https://www.tendenzamercati.net/Report-Giornaliero.html

Attesi movimenti al rialzo al di sopra dei 1257.75 punti per il test di area 1261.25 prima e 1266.5 poi, livello dove è presumibile un ritorno dei venditori. Il superamento di tale soglia potrebbe preludere a nuovi target individuabili in area 1277.75.

Prevista fase di debolezza al di sotto dei 1249.5 punti per una verifica di area 1245.25 prima e 1241 poi, livello dove è lecito attendersi un ritorno dei compratori. L’infrazione di tale soglia potrebbe preludere a nuovi target individuabili in area 1234.25.