Le tre proposte di legge dei consumatori

Le tre proposte di legge dei consumatoriTre iniziative popolari: il comitato Casper X (composto da diverse associazioni dei consumatori, tra cui il Codacons, il Movimento Difesa del Cittadino e l’Unione Nazionale dei Consumatori) sembra fare sul serio con i suoi disegni di legge, ma riusciranno questi ultimi ad approdare fino in Parlamento? Le proposte sono semplici e molto interessanti, dunque, nonostante l’iter difficile che e’ previsto, meritano almeno di essere descritte e approfondite, in modo da capirne l’utilita’.

L’obiettivo e’ quello di contrastare il carovita, tutelare i bilanci delle famiglie, far ripartire i consumi e sostenere le imprese piu’ piccole e in difficolta’. I promotori del comitato hanno gia’ lanciato la raccolta di firme. Di cosa si tratta esattamente? Il primo disegno di legge prevede la lotta contro le speculazioni sui prezzi dei prodotti agroalimentari, un argomento sempre molto attuale: in particolare, l’iniziativa punta ad abolire i ricarichi economici che riguardano alcuni cibi (si arriva addirittura a un +3000% in alcuni casi).

La seconda iniziativa si riferisce invece a una proroga temporale per i pagamenti delle tasse e delle bollette in favore delle famiglie e delle imprese in difficolta’. L’ultimo disegno, poi, propone delle agevolazioni fiscali per gli artigiani e i lavoratori autonomi. La scelta degli argomenti non e’ casuale, ma riflette i risultati dell’ultima indagine di Comitas (Comitato e Tutela Microimprese) per conto delle associazioni dei consumatori.

I cittadini hanno tutta la facolta’ di decidere quali sono gli interventi che possono essere adottati con urgenza per uscire dalla crisi economica: questo compito viene spesso affidato ad economisti, politici e tecnici, ma l’opinione di chi vive ogni giorno sulla propria pelle i peggiori effetti della crisi non puo’ che risultare utile.

Autore: simone ricci – Iljournal.it