Le nuove carte prepagate con canone gratuito

Le carte prepagate svolgono le stesse funzioni di un bancomat o di una carta di credito ma non devono essere obbligatoriamente collegate ad un conto corrente.

carte prepagate

Negli ultimi tempi un numero crescente di istituti bancari ha messo a disposizione dei propri clienti delle carte prepagate a costo zero, o comunque con un canone molto basso. Non stiamo parlando di quelle carte di credito prepagate che sono concesse solo a chi possiede un conto corrente su una specifica banca, ma di prodotti a sé stanti, che si possono attivare anche senza avere a disposizione un conto di appoggio. Per avere una panoramica dell’offerta oggi disponibile sul mercato si può consultare questa classifica.

Come funziona la carta prepagata
Una carta prepagata svolge le medesime funzioni di un bancomat o di una carta di credito, salvo il fatto che non deve essere per forza collegata ad un conto corrente e che la disponibilità massima di spesa deve essere “precaricata” sulla carta stessa. In pratica chi possiede la carta deve periodicamente versare dei fondi sulla carta stessa, per poi utilizzarli come crede, per pagare presso un POS o per prelevare del contante presso uno sportello ATM. Alcune di queste carte consentono anche di svolgere una serie di operazioni, come ad esempio bonifici o pagamenti di vario genere, attraverso un servizio di home banking. Rispetto ad n tradizionale conto corrente hanno alcuni vantaggi e alcuni svantaggi.

I vantaggi rispetto al conto corrente
Se si riesce a trovare una carta prepagata a costo zero, questo è il principale vantaggio rispetto a molti conti correnti, visto che in genere almeno l’imposta di bollo annuale, o in rate trimestrali, la si dovrà pagare. Inoltre sulla carta sono disponibili solo i fondi che vi abbiamo appoggiato, chi teme l’utilizzo della carta di credito in varie situazioni può fare affidamento su questo tipo di prodotti; ad esempio quando si vogliono fare acquisti online su siti non del tutto affidabili, o anche nel momento in cui si ha il timore di spendere molto di più rispetto alle proprie possibilità. Spesso chi attiva una carta prepagata è un genitore, che la utilizza per dare una certa disponibilità economica ai propri figli in modo comodo e rapido.

Gli svantaggi di una carta prepagata
Gli svantaggi di questo tipo di prodotto sono correlati esclusivamente ad un utilizzo scorretto dello strumento. C’è infatti chi ne lamenta la scarsa disponibilità, ma visto che tale disponibilità è direttamente correlata a quanto si versa sulla carta stessa, sta all’utilizzatore agire di conseguenza. Per altro ci sono carte che si possono ricaricare direttamente dal proprio conto corrente, in tempi minimi; o anche carte munite di IBAN, che in pratica funzionano proprio come un conto corrente, salvo darci disponibilità limitata a quanto abbiamo deciso in partenza. Possono risultare scarsamente vantaggiose quelle carte prepagate che richiedono il pagamento delle operazioni, ricarica compresa; nel corso di un anno ci possono costringere a spendere molto di più rispetto ad un canone annuale di un conto corrente. In commercio si trovano anche carte prepagate per gestire le quali la banca richiede un costo mensile, anche questi prodotti sono decisamente sconsigliati, visto che si possono trovare offerte molto più allettanti.

Devi essere loggato per commentare Login