Lavoro: la riforma Fornero e’ un Flop. Ecco perche’

Le nuove norme sul lavoro introdotte dalla riforma Fornero non funzionano, anzi starebbero producendo effetti contrari a quelli sperati.

I dati arrivano da un sondaggio promosso dai Giovani della Cgil che intervistando i lavoratori con diverse tipologie contrattuali ha rilevato che la precarieta’ sul lavoro e’ rimasta, ed in molti casi e’ peggiorata.

Quindi nessuna distinzione tra fra flessibilita’ buona e cattiva e nessuna stabilizzazione del lavoro come auspicato dalla riforma.

I NUEMRI

Nel 27 per cento dei casi la precarieta’ ha finito hanno finito di frenare il lavoro stesso: piu’ di un quarto dei contratti precari scaduti dopo l’entrata in vigore della riforma (luglio 2012) non sono stati rinnovati.

Solo il 5 per cento dei contratti precari e’ stato stabilizzato dopo la riforma Fornero.

La “stretta” alla cattiva flessibilita’ ha messo paura alle imprese: in molti casi (22%) le aziende hanno proposto ai dipendenti a tempo contratti peggiorativi rispetto a quello originari o hanno proprio preferito chiudere il rapporto di lavoro. Almeno per quanto riguarda l’occupazione in regola.

Solo il 4% pur restando precario si e’ trasformato in un rapporto di lavoro con maggiori tutele.

Si puo’ dire, quindi, che secondo lo studio solo nel 9 per cento dei casi la riforma ha portato ad un miglioramento delle condizioni di lavoro.

Scendendo nei particolari il sondaggio specifica anche che, nei casi di contratto a tempo determinato, il mancato rinnovo alla scadenza ha raggiunto la vetta del 38 per cento e per i lavoratori a progetto e’ arrivato al 23.

10 / 02 / 2013

Lavoro

Scrivi il tuo commento sulla pagina ‘Lavoro: la riforma Fornero e’ un Flop. Ecco perche’ ‘

Lavoro Economia SoldiAutore: redazione – Finanzautile.org