La politica monetaria spinge il mercato azionario globale

Nel 2019 le azioni statunitensi hanno sovraperformato (+30,2% per S&P 500) e la politica monetaria è stata il principale motore dell’anno per l’azionario globale.

mercato azionarioIl 2019 è stato un grande anno per l’azionario globale, con l’indice MSCI World che ha realizzato il 27,7% in USD – il quinto miglior rendimento annuale dal 1970 e il migliore dal rimbalzo del mercato del 2009. Come avvenuto in quell’anno, la politica monetaria è stata il motore principale per gli asset rischiosi. Le condizioni di mercato dovrebbero rimanere favorevoli per gli asset rischiosi grazie a una politica monetaria di sostegno. Ciononostante, un rendimento simile nel 2020 è improbabile e la selezione tra gli asset sarà cruciale per ottenere rendimenti positivi e senza intoppi.

Le banche centrali hanno aiutato i mercati finanziari a realizzare rendimenti sorprendenti nel 2019

Dicembre è stato un altro ottimo mese per gli asset rischiosi, con alti rendimenti positivi per gli azionari sviluppati (+3%), emergenti (7,5%) e per il credito (+2,3% per Barclays Global HY). La stabilizzazione dello slancio macroeconomico e gli sviluppi positivi della guerra commerciale sono stati i fattori chiave del mese. Di conseguenza, i safe asset, come la duration, hanno subito un netto calo. Il rendimento dei titoli statunitensi a 10 anni è salito dall’1,77% all’1,92%, trainato soprattutto dal premio all’inflazione.

Se i rendimenti di dicembre sono stati trainati da fattori di rischio macro e sentiment, il principale motore dell’anno è stato ancora una volta la politica monetaria. L’allentamento messo in campo dalle principali banche centrali nel corso dell’anno ha impedito la recessione economica e ha sostenuto grandi guadagni per la maggior parte degli asset.

Nel 2019 l’azionario globale ha registrato un rendimento del 27,7% (MSCI World), con le azioni statunitensi che hanno sovraperformato (+30,2% per S&P 500), mentre quelle giapponesi e britanniche hanno sottoperformato (+23,8% per Nikkei 225 e +16,3% per FTSE 100). L’azionario degli emergenti ha registrato un ritardo di sviluppo a causa della sottoperformance dei mercati cinesi (+19,4% per MSCI Emerging e +16,4% per l’indice HSCEI).

All’interno dei settori e delle ideologie di investimento la dispersione è stata elevata. In termini di settori, l’indice MSCI World IT ha fornito un sorprendente 48% nel 2019, mentre l’indice MSCI World Utilities è salito del 23%. Il settore dell’energia ha registrato un ritardo rispetto agli altri settori con un rendimento annuo del 12,5%. Per quanto riguarda gli stili, gli investitori hanno premiato la Qualità (+36% per l’MSCI World Quality) a scapito del Valore (+21% per l’MSCI World Value) nel corso dell’anno, mentre Momentum, Low Vol e Size sono stati in linea con il mercato.

Contrariamente al 2009, quando i mercati azionari hanno fornito rendimenti simili, i rendimenti obbligazionari a 10 anni sono scesi in media di 75bps per i paesi sviluppati nel 2019, dopo essere saliti significativamente nel 2009 (dal 2,2% al 3,8% per gli Stati Uniti a 10 anni). Questa è la magia del QE: tutti i prezzi degli asset possono salire contemporaneamente. Il credito alle imprese ha fornito grandi rendimenti, beneficiando sia della compressione degli spread che dell’effetto durata del calo dei rendimenti.

Nei mercati valutari, il quadro globale è stato misto. Il dollaro USA si è rafforzato rispetto alle valute nordiche e all’euro, ma ha registrato un calo rispetto alla sterlina britannica e al dollaro canadese e australiano, nel corso dell’anno. Fattori idiosincratici hanno spinto la moneta nello spazio emergente. Il biglietto verde si è apprezzato rispetto al real brasiliano e allo yuan, ma è diminuito rispetto al peso messicano e al rand sudafricano.

Commento a cura di Guilhem Savry – Unigestion

Devi essere loggato per commentare Login