La Doria: previsioni 2010 e triennio 2011-2013

altLa società La Doria presenterà oggi alla comunità finanziaria le previsioni per il 2010 e il piano triennale 2011-2013, nell’ambito di incontri istituzionali organizzati a Milano da Banca Imi. Le stime per il 2010 sono per risultati soddisfacenti, sebbene in flessione rispetto a quelli eccezionali del 2009. Apprezzabile il livello di marginalità attesa, comunque in buona crescita rispetto al 2008. I ricavi progressivi consolidati sono stimati a 448 milioni di Euro, + 0.5% rispetto al 2009, l’EBITDA è atteso a 37.5 milioni di Euro, rispetto ai 58.2 milioni del 2009 (33.6 nel 2008), l’EBIT a 25.4 milioni di Euro, rispetto ai 40.0 milioni al 31.12.2009 (20.9 nel 2008), l’utile netto consolidato è previsto a 10 milioni di Euro, rispetto ai 19.8 milioni del 2009 (5.7 nel
2008) mentre l’utile netto terzi a 2.7 milioni, l’indebitamento netto è previsto in ulteriore riduzione, a 103 milioni, rispetto a 108.7 milioni al 31.12.2009.

Gli obiettivi strategici del Piano triennale 2011-2013 sono di crescere ulteriormente nel mercato internazionale, di consolidare la leadership nel mercato italiano, mantenere la redditività aziendale su livelli soddisfacenti, contenere ulteriormente l’indebitamento. I target economico-finanziari per il biennio 2011-2013 sono per ricavi attesi a 510 milioni nel 2013 (CAGR 2010-2013 + 4.4%), un uUtile operativo lordo (Ebitda) al 9% nel 2013 (CAGR 2010-2013 + 7%), un utile operativo netto (Ebit) al 6.3% (CAGR 2010-2013 + 10%), un utile netto 2013 a 14.4 milioni (CAGR 2010-2013 + 13%) ed un gearing a 0,6 e Debt/ Ebitda ratio a 1.9.