Investire nel debito dei mercati emergenti

Valutazioni interessanti unite a un quadro tecnico incerto offrono numerose opportunità di investimento nel debito dei mercati emergenti.

investimenti nel debito dei mercati emergentiGli investitori in obbligazioni del debito dei mercati emergenti si sono abituati ai buoni rendimenti. Ad esempio, sia nel 2016 che nel 2017 si è registrata una performance del 10% annuo*. Nella prima metà del 2018, il trend si è spostato nella direzione opposta, con un indice negativo del 5,2%. Questo 5% è significativo, in quanto è il momento in cui gli avvisi e-mail iniziano ad arrivare nelle caselle di posta degli investitori e questi ultimi cominciano a diventare un po’ nervosi. Comprensibilmente, così come molti si sono abituati ai ritorni caldi degli ultimi due anni.

Sicuramente i cali economici sono un grattacapo, ma fanno parte degli investimenti nel debito dei mercati emergenti. In momenti come questi gli investitori devono ricordare che il debito dei mercati emergenti è una asset class inefficiente e quindi soggetta a periodi di volatilità. Ed è proprio a causa di queste inefficienze che gli investitori a lungo termine possono cercare opportunità in grado di produrre sovraperformance a lungo termine.

Quindi, alla luce dell’attuale flessione del mercato, diamo un’occhiata ai periodi precedenti in cui anche il debito dei mercati emergenti ha attraversato una fase di calo superiore al 5%. Dal 2013 il mercato è calato di oltre il 5% solo due altre volte: nel giugno 2013 e nel novembre 2016. La durata di entrambi i prelievi è stata molto diversa. Nel 2013 la ripresa ha richiesto 12 mesi, mentre il calo di novembre 2016 si è rivelato più un semplice contrattempo ed è durato circa sette mesi.

Se guardiamo ancora più indietro, dalla metà degli anni ’90 ad oggi, possiamo trovare solo quattro anni che hanno prodotto rendimenti negativi, ognuno dei quali è stato seguito da diversi anni di forte sovraperformance (cfr. grafico 1). Il messaggio è chiaro: sul lungo termine, i mercati emergenti hanno fornito agli investitori prestazioni eccellenti.
grafico jpm embi

Fonte: Bloomberg, JP Morgan, Vontobel Asset Management.

La mia intenzione qui non è quella di guardare indietro a un passato glorioso. Si tratta piuttosto di sottolineare il fatto che i cali sono i terreni su cui poter piantare i semi della crescita futura. In questo momento ci troviamo in un periodo di pioggia e, proprio come in agricoltura, la pioggia è essenziale affinché le piante diano i loro frutti. Indipendentemente dal fatto che questo periodo di pioggia duri sei mesi o dodici, siamo fiduciosi che il tempo cambierà e che, ancora una volta, gli investitori a lungo termine raccoglieranno i frutti del loro raccolto.

Perché ora è il momento giusto per investire nel debito dei mercati emergenti

Da dove ci troviamo, l’ambiente appare giusto: valutazioni interessanti unite a un quadro tecnico incerto. Questo tipo di ambiente offre numerose opportunità per quel che riguarda le obbligazioni, in quanto le reazioni degli investitori sono guidate da flussi di notizie a breve termine e da tecniche di mercato. Come investitore, accolgo con favore questo comportamento, perché crea le inefficienze di cui sopra.

Ad esempio, i titoli di giornale sull’aumento dei tassi d’interesse negli Stati Uniti e su una guerra commerciale a tutto campo hanno provocato deflussi dalla asset class. Tuttavia (come ho evidenziato in precedenza) la storia mostra che i picchi dei tassi di interesse statunitensi tendono ad avere un effetto temporaneo sull’andamento del debito dei mercati emergenti. Nonostante l’accesa retorica e l’imposizione di dazi “tit-for-tat” tra gli Stati Uniti e alcuni dei loro maggiori partner commerciali, il commercio mondiale continua ad aumentare.

Sul piano tecnico, nella prima metà dell’anno l’emissione per il 2018 è stata pesante, con due terzi delle emissioni stimate di quest’anno già effettuate. Questa “indigestione” di emissione dovrebbe ora stabilizzarsi e, con diverse scadenze di grandi dimensioni previste nella seconda metà del 2018, questo promette di fornire un quadro tecnico migliore per la seconda parte dell’anno. Inoltre, dietro a tutto il rumore, le valutazioni sono su solide basi, con rendimenti che ora superano la media post crisi finanziaria (cfr. grafico 2).

grafico jpm emb yeld
Fonte: JP Morgan, Gestione patrimoniale di Vontobel, al 06.07.2018
GFC: Crisi finanziaria globale

Con l’attuale picco del mercato stiamo semplicemente assistendo a un ritorno a delle condizioni normali – e mi piacciono queste condizioni. La combinazione di valutazioni attraenti e quadri tecnici impegnativi fornisce sacche di volatilità che gli investitori attivi e in controtendenza possono sfruttare.

Commento a cura di Luc D’hooge, Head of Emerging Market Bond di Vontobel Asset Management