Intesa Sanpaolo sorprende il mercato

Intesa Sanpaolo ha inaugurato la stagione delle trimestrali confermando l’attesa di profitti in crescita nel 2020.

intesa sanpaoloDa inizio anno Intesa Sanpaolo segna un guadagno di oltre 3 punti percentuali*, sovraperformando sia l’indice FTSE MIB che l’EURO STOXX Banks, dinamica che ha beneficiato della pubblicazione dei risultati del quarto trimestre 2019.

Intesa Sanpaolo infatti ha dato il via nel modo migliore alla stagione delle trimestrali delle banche italiane confermando anche l’attesa di profitti in crescita nel 2020, oltre a un dividendo interessante.

L’utile del quarto trimestre 2019 infatti si è attestato a 872 milioni* (-16% a/a), battendo le stime degli analisti di oltre l’8%*. Superate anche le stime sulle commissioni nette che hanno raggiunto 2,17 miliardi (consensus a 2,03 mld*), in aumento del 10,2% a/a. Anche da un punto di vista patrimoniale la banca si dimostra con i conti in ordine.
La patrimonializzazione infatti è largamente superiore ai requisiti normativi anche nello scenario avverso dello stress test EBA/BCE 2018: il Common Equity Tier 1 ratio pro-forma a regime è al 14,1%*, tenendo conto dei dividendi proposti per il 2019.

La banca distribuirà dividendi cash per 3.362 milioni*, pari all’80%* di payout ratio indicato nel Piano di Impresa per il 2019. Il CdA ha infatti deliberato di proporre alla prossima Assemblea ordinaria la distribuzione di 19,2 centesimi per azione*.

Il CEO di Intesa Sanpaolo, Carlo Messina, ha ribadito che a trainare i ricavi del gruppo nei prossimi anni sarà soprattutto la componente legata alle attività del risparmio gestito e dichiarato inoltre che i bassi tassi di interesse, pur penalizzando il margine di interesse, si traducono in un elemento favorevole per il business del wealth management. Ecco perché Intesa è intenzionata ad un’operazione di acquisizione nel settore.

Il titolo Intesa Sanpaolo, nonostante la crescita in Borsa, risulta a sconto sul P/E Forward rispetto alla media a 5 anni del ratio. Gli analisti sono tendenzialmente positivi sul titolo con 8 buy, 13 hold e 9 sell. Target price medio a 2,47 euro.

*Fonte dati: Bloomberg Finance L.P.

Devi essere loggato per commentare Login