TendenzaMercati

Segnali Operativi su Azioni Italia, Azioni USA, Futures e Forex

Inflazione in frenata per il terzo anno consecutivo

Nel 2015, mediamente, l’inflazione rallenta per il terzo anno consecutivo, portandosi a +0,1% da +0,2% del 2014. A dicembre 2015 l’inflazione di fondo scende a +0,6%.

inflazioneSulla base delle rilevazioni Istat, a dicembre 2015, l’indice nazionale dei prezzi al consumo per l’intera collettività (NIC), al lordo dei tabacchi, registra una variazione nulla rispetto al mese precedente e un aumento dello 0,1% nei confronti di dicembre 2014, lo stesso registrato a novembre, confermando la stima provvisoria.

In media, nel 2015, l’inflazione rallenta per il terzo anno consecutivo, portandosi a +0,1% da +0,2% del 2014. L’inflazione di fondo, al netto degli alimentari freschi e dei prodotti energetici, si conferma a +0,7%.

A dicembre, al netto degli alimentari non lavorati e dei beni energetici, l’inflazione di fondo scende a +0,6% (da +0,7% del mese precedente); al netto dei soli beni energetici si attesta a +0,7% (da +0,8% di novembre).

I prezzi dei beni alimentari, per la cura della casa e della persona diminuiscono dello 0,3% in termini congiunturali e aumentano, in termini tendenziali, dello 0,9% (dal +1,3% di novembre). I prezzi dei prodotti ad alta frequenza di acquisto diminuiscono dello 0,2% su base mensile e sono stabili su base annua (era -0,1% a novembre).

L’indice armonizzato dei prezzi al consumo (IPCA) diminuisce dello 0,1% su base mensile e aumenta dello 0,1% su base annua (da +0,2% di novembre), confermando la stima preliminare. La variazione media annua del 2015 è pari a +0,1% (era +0,2% nel 2014). In media, nel 2015 le famiglie con minore capacità di spesa registrano una variazione negativa dei prezzi, misurata dall’indice IPCA (-0,2%), mentre per quelle con maggiore capacità di spesa la variazione è positiva e pari a +0,4%.

L’indice nazionale dei prezzi al consumo per le famiglie di operai e impiegati (FOI), al netto dei tabacchi, registra una variazione nulla sia su base mensile, sia su base annua e una diminuzione dello 0,1% nella media del 2015.

L’Istat fa presente che con la diffusione degli indici definitivi dei prezzi al consumo riferiti a gennaio 2016 (prevista il 22 febbraio) saranno introdotte alcune importanti innovazioni che hanno l’obiettivo di recepire disposizioni contenute in Regolamenti europei recentemente approvati o in corso di approvazione e migliorare l’accuratezza delle misure dell’inflazione.

In particolare, a partire dai dati definitivi di gennaio 2016, gli indici armonizzati dei prezzi al consumo (IPCA), gli indici dei prezzi al consumo per l’intera collettività (NIC) e gli indici dei prezzi per le famiglie di operai e impiegati (FOI) saranno diffusi:

con base di riferimento 2015=100;
adottando la nuova classificazione ECOICOP (European Classification of Individual Consumption by Purpose). Il 3 febbraio saranno illustrate le novità derivanti dalle consuete attività di revisione del paniere, dei piani di campionamento e del sistema di ponderazione, in concomitanza con l’uscita dei dati provvisori di gennaio 2016 che già incorporeranno queste novità.

STRATEGIE OPERATIVE

Segnali operativi sia al rialzo (Long) che al ribasso (Short) su azioni italiane ed americane, futures e forex

PERFORMANCE STRATEGIE

Analisi Tecnica

Future Dax: oscillatori deboli, atteso movimento correttivo

Future Dax: oscillatori deboli, atteso movimento correttivo

Lo scenario tecnico sul Future Dax resta impostato al rialzo. L’ultimo movimento al ribasso per ora…

Edit Template

Copyright © 2006-2022. Tutti i diritti riservati. Powered by Royal Web Design.