Guida Modello Mud. Chi deve presentarlo. Scadenza 30 aprile

Il prossimo 30 aprile scade il termine di presentazione del Mud, il modello unico di dichiarazione ambientale.

Il MUD e’ un modello attraverso il quale devono essere denunciati i rifiuti prodotti dalle attivita’ economiche, i rifiuti raccolti dal Comune e quelli smaltiti, avviati al recupero, trasportati o intermediati nell’anno precedente la dichiarazione.

Le imprese e le amministrazioni tenute alla presentazione devono servirsi dei moduli e delle indicazioni riportati nel decreto del presidente del Consiglio dei ministri del 20 dicembre 2012, pubblicato in Gazzetta ufficiale il 29 dicembre.

Il nuovo modello unico sostituisce il precedente ed e’ costituito da sei comunicazioni: rifiuti speciali, veicoli fuori uso, imballaggi, Raee (rifiuti apparecchiature elettriche ed elettroniche), rifiuti urbani ‘assimilati e raccolti in convenzione‘, produttori di apparecchiature elettriche ed elettroniche (Aee).

CHI DEVE PRESENTARLA

Devono presentare la Dichiarazione MUD i seguenti soggetti:

chiunque effettua a titolo professionale attivita’ di raccolta e trasporto di rifiuticommercianti e intermediari di rifiuti senza detenzione;imprese ed enti che effettuano operazioni di recupero e smaltimento dei rifiutiimprese ed enti produttori iniziali di rifiuti pericolosi; eccezioni: i liberi professionisti che non operano in forma d’impresa i soggetti che conferiscono i propri rifiuti pericolosi al servizio pubblico di raccolta (in questo caso la comunicazione e’ effettuata dal gestore del servizio limitatamente alla quantita’ conferita) i soggetti che svolgono le attivita’ di estetista, acconciatore, trucco permanente e semipermanente, tatuaggio, piercing, agopuntura, podologo, callista, manicure, pedicure e che producono rifiuti pericolosi e a rischio infettivo; le imprese agricole che producono rifiuti pericolosi con un volume di affari annuo non superiore a Euro 8.000,00imprese ed enti che hanno piu’ di dieci dipendenti e sono produttori iniziali di rifiuti non pericolosi derivanti da lavorazioni industriali, da lavorazioni artigianali e da attivita’ di recupero e smaltimento di rifiuti, fanghi prodotti dalla potabilizzazione e da altri trattamenti delle acque e dalla depurazione delle acque reflue e da abbattimento dei fumi (articolo 184 comma 3 lettere c), d) e g) D.Lgs. 152/2006); eccezioni: le imprese che esercitano attivita’ di demolizione o costruzione; le imprese che esercitano attivita’ di commercio o di servizio;i gestori degli impianti e dei sevizi portuali per la raccolta dei rifiuti prodotti dalle navi e dei residui del carico.

La presentazione della Dichiarazione MUD deve essere effettuata, entro il 30 aprile 2013, secondo una delle seguenti modalita’:

i soli produttori iniziali di rifiuti che nel 2012 hanno prodotto fino ad un massimo di 7 rifiuti possono scegliere se compilare la Dichiarazione MUD tramite modulo cartaceo, e inviare quindi la Comunicazione Rifiuti Speciali Semplificata tramite posta alla Camera di Commercio competente, oppure se compilare il MUD con lo specifico software, e trasmettere poi il file contenente la Dichiarazione tramite invio telematico, attraverso il sito mudtelematico.ittutti gli altri soggetti obbligati alla presentazione del MUD devono invece compilare la Dichiarazione tramite software e trasmettere poi la stessa con modalita’ telematica tramite il sito mudtelematico.it. I Comuni utilizzeranno, invece, il sito mudcomuni.it.

27 / 02 / 2013

Ambiente

Scrivi il tuo commento sulla pagina ‘Guida Modello Mud. Chi deve presentarlo. Scadenza 30 aprile ‘

Ambiente Economia Mud   Autore: redazione – Finanzautile.org