G20: le banche centrali potrebbero avere l’ultima parola

Al G20 tutti gli occhi saranno puntati su Donald Trump e Xi Jinping. I mercati sperano in un incontro amichevole.

G20Alla riunione del G20, tutti gli occhi saranno puntati su Donald Trump e Xi Jinping. I mercati sperano in un incontro amichevole. E amichevole potrebbe essere, considerato che Trump ha molto meno tempo di Xi per risolvere la controversia, dal momento che egli mira alla rielezione l’anno prossimo e dovrà dichiarare vittoria ad un certo punto. Finora, l’attuazione delle tariffe è stata solo una frazione di ciò che è stato minacciato ed è stato sicuro di non gravare troppo sul consumatore americano per non sconvolgere il collegio elettorale di Trump.

Lo scenario più probabile è che Trump e Xi riprendano i negoziati (si veda tabella qui sotto). Potenzialmente, potrebbero congelare lo status quo tra Stati Uniti e Cina sulle tariffe attuali per un periodo di tempo limitato. Le tariffe automobilistiche, tuttavia, ne sarebbero esenti in quanto sono di natura globale e molto più orientate verso l’Unione Europea e il Giappone. Un evento al di fuori di questo scenario principale, positivo o negativo, avrebbe un effetto sui mercati.

Qualunque cosa accada e in qualsiasi modo reagiranno i mercati, è probabile che la politica della banca centrale torni ad essere ben nitida. Se Donald e Xi dovessero sorprendere con una rapida risoluzione, i mercati si mobiliterebbero fino a quando non riemergerebbero i timori di un inasprimento delle condizioni delle banche centrali. Qualsiasi cosa peggiore dello “scenario principale” inizialmente porterebbe i mercati ad un sell off fino a quando le banche centrali non interverranno con misure di stabilizzazione.

Piuttosto che essere “ammanettati” dai mercati, la Fed reagirà alle condizioni di crescita sottostanti la superficie delle reazioni del mercato. Attualmente, la crescita globale è ok ma principalmente guidata dai settori dei servizi e dei consumatori. Attualmente, riteniamo che il settore manifatturiero sia la questione principale e, senza progressi sul fronte delle controversie commerciali, un miglioramento sostanziale del settore rimarrà difficile.

A seconda del percorso di crescita dell’economia, la Fed e le altre banche centrali saranno più o meno rigide, il che si rivelerà un difficile equilibrio sulla lama del rasoio.

commento a cura di Frank Häusler, Chief Strategist di Vontobel Asset Management

Devi essere loggato per commentare Login