Fed, spread e falsa recessione in vista

I fondamentali degli Stati Uniti dovrebbero continuare a fungere da punto d’appoggio e la pausa della Fed arriverà probabilmente dopo un aumento a giugno.

mercati finanziari Fed spreadIl 2018 è stato un anno in cui la volatilità “normale” è tornata sui mercati, inizialmente trainata dal tema della reflazione negli Stati Uniti, seguita da una serie di preoccupazioni geopolitiche diffuse in tutto il mondo, dall’Argentina alla Turchia, passando per l’Italia e, naturalmente, nel Regno Unito, per citare solo alcuni esempi.

Quando tutto questo si è combinato con un’aspra guerra commerciale e l’inizio di una politica monetaria delle banche centrali, gli investitori hanno cominciato a fuggire da attività rischiose. La conseguenza per il reddito fisso è stato un sostanziale aumento degli spread creditizi.

Questa pressione si è aggiunta alle obbligazioni a scadenza più breve. Ciò significa che anche i fondi a bassa durata, che normalmente sarebbero stati un porto sicuro in un mercato di questo tipo, hanno avuto un anno particolarmente difficile. In sintesi, questo è stato l’anno più duro per gli investitori del reddito fisso dall’inizio della crisi finanziaria globale.

In questo quadro, i fondamentali degli Stati Uniti dovrebbero continuare a fungere da punto d’appoggio e la pausa della Fed arriverà probabilmente dopo un aumento a giugno, che porterebbe il limite massimo dei tassi di interesse al 3%. Ulteriori aumenti dovrebbero esserci a marzo o a giugno 2020.

Una volta che la Fed si fermerà avremo una curva dei rendimenti invertita tra i due e i dieci anni con la conseguenza che le banche americane cominceranno ad inasprire le condizioni dei loro prestiti. L’impatto che questo di solito ha è la fine del ciclo, ma questo ciclo è diverso, dovrebbe sopravvivere e il mercato inizierà a rifletterlo nei suoi prezzi verso la seconda metà del 2019.

Anche che gli spread creditizi statunitensi sono destinati a mostrare nuovamente la volatilità, ed è probabile che raggiungano il picco nel terzo trimestre quando i mercati si allontaneranno dai fondamentali per iniziare a riflettere nei prezzi una recessione che nel 2020 potrebbe non arrivare.

Gli spread di credito europei prenderanno il sopravvento sugli Stati Uniti, ma vale la pena notare che il timore circa l’influenza della BCE sulla solvibilità dell’euro si è riflesso nei prezzi e che gli spread di credito si sono ampliati da quando Draghi ha annunciato il suo programma di acquisto del debito societario. Gli spread di credito sono notevolmente più elevati rispetto all’inizio del 2018, e lo sono anche negli Stati Uniti. Questo dovrebbe significare che l’Europa batterà gli Stati Uniti nel 2019.

Per quanto riguarda il Regno Unito, una buona Brexit sembra impossibile, che non avvenga nessuna Brexit è di nuovo possibile, e una sorta di cattivo affare è forse la cosa più probabile.

I titoli di Stato britannici (Gilt) continuano ad essere la principale risorsa in sterline senza rischio e hanno mostrato queste caratteristiche dal voto di uscita dall’UE. Ci sono tuttavia altri asset privi di rischio che possono essere convertiti in sterline, se necessario.

Il credito in sterline inizierà l’anno con un forte premio Brexit. Una qualche soluzione alla Brexit, anche se si trattasse di un cattivo accordo di uscita, comporterebbe una riduzione del premio. Di conseguenza, il credito in sterline è il più probabile di sovraperformance nel 2019.

Commento a cura di Mark Holman, CEO di TwentyFour Asset Management

Devi essere loggato per commentare Login