Fed: probabile una riduzione più ampia dei tassi

Se l’economia dovesse rallentare, la Fed agirà in modo appropriato e potrebbe essere necessaria una riduzione più ampia dei tassi.

fed tassiCome i mercati avevano ampiamente previsto, la Fed ha tagliato i tassi di 25 pb durante l’ultima riunione di settembre, dopo la riduzione di 25 pb di luglio.

La decisione è arrivata con tre dissensi, 2 membri hanno votato per nessun taglio (George e Rosengren, gli stessi di luglio) e un membro ha votato per un taglio più alto di 50 pb in questa riunione (Bullard). Come nel caso della BCE, ciò riflette un’ampia spaccatura all’interno del Comitato sulla posizione politica appropriata. La dichiarazione del FOMC è stata letteralmente un copia-incolla di luglio, con pochi cambiamenti, e gli sviluppi globali per le prospettive economiche e la debole inflazione citata come motivo per l’allentamento della politica.

Nel dot plot aggiornato, l’aspettativa mediana non mostra ulteriori tagli alla fine del 2019, tuttavia 7 membri si aspettano ancora un tasso politico più basso entro la fine dell’anno, 5 se lo aspettano invariato e 5 hanno lasciato la loro proiezione dei tassi al livello dello scorso luglio. Le proiezioni dei partecipanti suggeriscono quindi una politica invariata fino al 2020 e un aumento del tasso nel 2021.

La sintesi delle proiezioni economiche è rimasta pressoché invariata, con una crescita leggermente superiore del 2,2% quest’anno, mentre il tasso di disoccupazione dovrebbe rimanere fermo al 3,7% fino al 2020. L’inflazione del PCE si attesta all’1,5% per l’anno precedente, per poi salire all’1,9% l’anno prossimo, mentre il PCE di base rimane invariato rispettivamente all’1,8% e all’1,9%.

Nella conferenza stampa, il presidente Powell è stato più attento nella scelta delle sue parole rispetto allo scorso luglio, segnalando che la Fed guarderà alla crescita globale, agli sviluppi geopolitici e alle prospettive economiche statunitensi in materia di occupazione e stabilità dei prezzi quando prenderà la propria decisione sui prossimi passi politici.

Alla domanda se questo taglio dei tassi fosse ancora un “aggiustamento di metà ciclo”, non ha ripetuto il suo precedente commento, ma ha invece citato le decisioni della Fed del 1995 e del 1998 come riferimenti per tagli simili, che si sono rivelati efficaci per stabilizzare l’economia dell’epoca. Guardando al futuro, ha detto che se l’economia dovesse rallentare, “agirà in modo appropriato e potrebbe essere necessaria una riduzione più ampia dei tassi”. Per ora stanno prendendo decisioni “riunione per riunione” e continueranno a dipendere dai dati sia a livello globale che nazionale, ha detto.

Infine, sulla crisi di liquidità di questa settimana nel mercato “repo”, Powell ha evidenziato come motivi del congelamento del mercato monetario il pagamento delle imposte sulle società e la liquidazione degli acquisti di buoni del Tesoro. Ha riconosciuto che la Fed non si aspettava “una risposta così forte sui mercati”. Le operazioni PcT temporanee della Fed sono state efficaci nell’allentare la pressione sui finanziamenti. Ha inoltre sottolineato che la Fed potrebbe riprendere “la crescita organica del bilancio prima del previsto”. Per ora la Fed continuerà le operazioni temporanee di mercato per iniettare liquidità (come ha fatto questa settimana).

Reazione del mercato: La reazione è stata piuttosto moderata, con le azioni che inizialmente si sono svincolate, ma che sono rimaste sostanzialmente invariate nel corso della giornata, e la volatilità implicita è diminuita. I rendimenti del Tesoro a 10 anni sono saliti di 5 punti base all’1,8% – poi si sono stabilizzati intorno a questo livello. La curva dei rendimenti 2-10 anni si è appiattita a 3 pb, rimanendo in territorio positivo. Il dollaro ha guadagnato sulla decisione, ma solo marginalmente, in crescita di mezzo punto percentuale.

Cosa aspettarsi da qui? Le nostre previsioni economiche prevedono un graduale declino della crescita degli Stati Uniti fino alla fine dell’anno e un rimbalzo dal primo trimestre in poi, prospettive incerte sulla crescita globale e sul commercio, e un’inflazione inferiore all’obiettivo per i prossimi mesi. Manteniamo quindi invariate le nostre aspettative di un’ulteriore riduzione del tasso di 25 pb alla riunione di ottobre, e i tassi rimarranno in sospeso il prossimo anno.

Vi è il rischio che la prossima riduzione dei tassi possa essere rinviata a dicembre, in quanto il Comitato vorrà valutare la situazione economica con ulteriori dati a portata di mano e possibili ulteriori implementazioni tariffarie fino ad allora. Detto questo, il rischio di indurre una volatilità indesiderata dei mercati facendo una pausa per una riunione e la sfida di comunicazione che questa pausa potrebbe indurre, ci porta a mantenere il taglio dei tassi di ottobre come scenario di base.

Commento a cura di Sandrine Perret – Vontobel Asset Management

Devi essere loggato per commentare Login