Condomino: la riforma e’ legge. Ecco tutte le novita’. Cosa cambia dagli animali ai riscaldamenti

La nuova riforma dei condomini e’ legge. Il Parlamento ha dato il suo via libera ad una nuova disciplina che rende piu’ snelle le decisioni e valorizza la figura dell’amministratore qualificato.

L’obiettivo della riforma e’ quello di intervenire sugli aspetti piu’ controversi della “vita in comune” degli italiani, con regole che dovrebbero riportare ordine. Almeno si spera.

Riportiamo le principali novita’.

Secondo le nuove norme, ci si potra’ staccare dal riscaldamento centralizzato solo in caso di oggettivi problemi tecnici dell’impianto comune, che non siano stati risolti dal condominio nell’arco di un’intera stagione di riscaldamento.

Il distacco non e’ comunque consentito se puo’ causare squilibri tali da compromettere la normale erogazione di calore agli altricondomini o aggravi di spesa.

Il regolamento condominiale non potra’ “vietare di possedere o detenere animali domestici”.

Per la messa a norma in sicurezza e per l’eliminazione delle barriere architettoniche del palazzo bastera’ che in assemblea siano presenti i condomini che rappresentano un terzo dei millesimi condominiali e sara’ sufficiente la maggioranza favorevole del 50 piu’ uno.

CAMBIO DESTINAZIONE D’USO LOCALI COMUNI

Basteranno i quattro quinti.

Niente registro ma restano alcuni requisiti necessari (godimento dei diritti civili, titolo di studio, formazione, assicurazione professionale). Per fare l’amministratore, ad esempio, bisognera’ frequentare un corso di formazione iniziale, oltre ad aver conseguito il diploma di scuola secondaria di secondo grado.

L’amministratore dovra’ far transitare tutti i movimenti di denaro su un conto corrente intestato esclusivamente al condominio e dovra’ agire contro i morosi entro sei mesi dal rendiconto in cui siano elencate le rate di spesa che questi non hanno pagato.

L’assemblea puo’ disporre la creazione di un sito internet del condominio, ad accesso individuale e protetto, per consultare tutti gli atti e i rendiconti mensili.

L’amministratore, inoltre, all’atto della nomina dovra’ presentare ai condomini una polizza individuale di responsabilita’ civile che copre gli atti compiuti nell’esercizio del mandato. Gli oneri di questa sono a carico dei condomini.

20 / 11 / 2012

Casa

Scrivi il tuo commento sulla pagina ‘Condomino: la riforma e’ legge. Ecco tutte le novita’. Cosa cambia dagli animali ai riscaldamenti ‘

Casa Economia Societa’Autore: redazione – Finanzautile.org

Devi essere loggato per commentare Login

Rispondi