Con il ‘Cresci Italia’ via alle liberalizzazioni

altDopo la batosta della manovra Monti, è in arrivo un nuovo decreto già ribattezzato ‘Cresci Italia‘. Sarà la volta delle tanto attese liberalizzazioni, della riforma del mercato del lavoro e delle norme su infrastrutture e concorrenza. Il nuovo pacchetto dovrà essere pronto entro il 23 gennaio, quando, a Bruxelles, ci sarà la riunione dell’Eurogruppo.

Su molti aspetti della fase due della cura Monti è già bagarre. Sulle liberalizzazioni c’è chi storce il muso come taxisti e farmacisti. I primi ribadiscono come “una liberalizzazione del settore sarebbe un vero e proprio colpo mortale”, i secondosono già da tempo sulle barricate. La riforma del mercato del lavoro potrebbe andare a modificare l’articolo 18.

I sindacati sono irremovibili, il governo, dall’altra parte, sembra aver fatto sull’argomento un passo indietro. Intanto, in occasione dei tradizionali auguri di inizio anno, il premier “ha inoltre espresso la volontà del Governo di ricercare la massima intesa con le parti sociali sui temi del lavoro e dell’occupazione pur nell’esigenza di operare con la sollecitazione imposta dalla situazione”.

Sarà un gennaio caldo, insomma, quello che attende Mario Monti. Settimana prossima riprenderanno i confronti con le parti sociali (ad incontrare i sindacatisarà ilministro del welfare, Elsa Fornero). Il premier ha in agenda anche un incontro con il primo ministro britannico David Cameron, mentre il 21 gennaio sarà a Tripoli per riattivare il trattato di amicizia tra Italia e Libia, ed il 23 gennaio all’attesa riunione dell’Eurogruppo.

Infine, il 30 gennaio, si terrà una riunione straordinaria Ue con all’ordine del giorno un tema molto dedicato: quello dello Sviluppo. Mario Monti, proprio per questo, non vorrà di certo sfigurare.

Fonte: Mutuonews.it – C.C.