COFIDE-Gruppo De Benedetti: utile netto 2011 a 6,1 mln di euro

altNei primi nove mesi del 2011 COFIDE ha ottenuto un utile netto consolidato di 6,1 milioni di euro rispetto a 23,4 milioni di euro nel corrispondente periodo del 2010. Il risultato è stato principalmente determinato dal contribuito della controllata CIR (7,3 milioni di euro rispetto a 26 milioni di euro nei nove mesi del 2010).

COFIDE è l’azionista di controllo di CIR-Compagnie Industriali Riunite SpA, società a capo di un gruppo industriale attivo in particolare nei settori energia, media, componenti auto, sanità. Del gruppo COFIDE fa parte anche Euvis, società che opera in Italia dal 2005 nel settore dei prestiti vitalizi ipotecari per la terza età.

Nel corso del terzo trimestre, COFIDE ha effettuato un nuovo investimento per circa 9 milioni di euro in Jargonnant, un fondo di private equity basato a Monaco di Baviera e specializzato in investimenti nel settore immobiliare (residenziale e commerciale) in Germania e nell’Europa centrale.

I ricavi di COFIDE nei primi nove mesi del 2011 sono ammontati a 3.300,9 milioni di euro, rispetto a 3.263,8 milioni nello stesso periodo del 2010 (+1,1%). L’EBITDA è stato pari a 335,6 milioni di euro, in crescita del 17,5% rispetto al dato dei primi nove mesi del 2010 (285,6 milioni di euro). L’EBIT è stato pari a 184,7 milioni di euro, in crescita del 18,2% rispetto a 156,3 milioni di euro nei primi nove mesi del 2010. L’incremento dei margini consolidati è riconducibile principalmente all’aumento della redditività del gruppo CIR.

Il risultato della gestione finanziaria, negativo per 91,5 milioni di euro (negativo per 42 milioni di euro nei primi nove mesi del 2010), è stato determinato da oneri finanziari netti per 94,3 milioni di euro e da rettifiche di valore negative di attività finanziarie per 12,8 milioni di euro, parzialmente compensati da proventi netti da negoziazione e valutazione titoli per 15,6 milioni di euro.

L’utile netto è stato pari a 6,1 milioni di euro, rispetto a 23,4 milioni di euro nei primi nove mesi del 2010. La variazione rispetto allo scorso anno è attribuibile principalmente al minore contributo della controllata CIR (7,3 milioni di euro rispetto a 26 milioni di euro al 30 settembre 2010). Il risultato netto della controllata Euvis è stato invece negativo per 0,3 milioni di euro (in miglioramento rispetto a un risultato negativo per 0,8 milioni di euro nei primi nove mesi del 2010).

Al 30 settembre 2011 i prestiti vitalizi gestiti da Euvis ammontavano a 126,5 milioni di euro, di cui 37 milioni di euro erogati nel corso dei primi nove mesi. L’indebitamento finanziario netto di COFIDE SpA al 30 settembre 2011 era pari a 26,3 milioni di euro (15,5 milioni di euro al 30 giugno 2011). La variazione nel trimestre è dovuta prevalentemente all’investimento effettuato nel fondo Jargonnant. L’indebitamento finanziario netto consolidato del gruppo COFIDE al 30 settembre ammontava a 2.330,7 milioni di euro, rispetto a 2.195,8 milioni di euro al 30 giugno 2011.

Il patrimonio netto totale 30 settembre 2011 si è attestato a 2.546,3 milioni di euro, rispetto a 2.550,9 milioni al 31 dicembre 2010. Il patrimonio netto di pertinenza del gruppo è passato da 747,4 milioni di euro al 31 dicembre 2010 a 741,9 milioni di euro al 30 settembre 2011.