Carne di cavallo ed etichette. Autorita’ latitanti. Generalizzare i controlli. I consumatori si astengano

Carne di cavallo ed etichette. Autorita' latitanti. Generalizzare i controlli. I consumatori si astengano  Purtroppo quello che si temeva si e’ verificato: anche nel nostro Paese la disonesta’ commerciale di chi indica in etichetta cose diverse da quelle contenute nel prodotto, puo’ essere un fenomeno molto piu’ diffuso di quanto si possa credere. Il rilevamento oggi di carne di cavallo in lasagne alla bolognese prodotte a Bologna, fa pari con gli esami negativi in merito riscontrati sui prodotti della Nestle’. Questo vuol dire che la situazione non e’ sotto controllo, cioe’ che le autorita’ preposte probabilmente non fanno quello che dovrebbero fare, e solo oggi, in seguito alla scandalo Findus in Europa, nel nostro Paese si sta cominciando a muoversi e vengono i primi risultati, positivi e negativi.Occorre quindi intervenire subito per calmare la scontata fuga che i consumatori faranno nei confronti di tutti i prodotti precotti a base di carne.Una fuga che generera’ un quadruplo danno:– sfiducia dei consumatori verso le autorita’;– sfiduciadei consumatori verso i produttori;– danniper le aziende del settore;– crisidei posti lavoro per il necessario ridimensionamento economico che ogni azienda dovra’ prendere.’La frittata e’ ovviamente gia’ fatta. L’Autorita’ puo’ solo evitare che dilaghi e si estenda in modo inverosimile. Ovviamenteriteniamo saggi quei consumatori che, fino a chiarimento definitivo, si asterranno dall’acquisto e dal consumo di tutti i prodotti del genere. Nessuno morira’ di fame e le aziende piu’ operose si dovranno prodigare per garantire e dimostrare una impeccabile informazione in merito.

Autore: ADUC – Associazione diritti utenti e consumatori – Aduc.it

Devi essere loggato per commentare Login

Rispondi