Carburanti, i prezzi vanno su

Non si arresta il caro-benzina con la “punta” del “servito” al Centro del Paese che arriva ora a 1,927 euro/litro. Si muovono Eni con TotalErg e Esso e si registrano aumenti anche per le no-logo.

Fine settimana all’insegna degli aumenti per i carburanti, con  “il prezzo internazionale della benzina che ha chiuso la settimana a 650 euro per mille litri (+5), esattamente come quello del diesel, che pero’ e’ sceso di 3 euro per mille litri”, rileva Staffetta Quotidiana.

Vanno su le punte della benzina e del diesel: secondo Quotidiano Energia, queste ultime salgono a 1,927 euro/litro per la benzina, livello raggiunto da piu’ di un marchio delle petrolifere, il diesel va fino a 1,809 e il gpl a 0,890. Le medie nazionali sono invece a 1,876 euro/litro per la “verde”, 1,783 per il diesel e 0,890 per il gpl.

Nel fine settimana Eni, spiega Quotidiano Energia, ha messo mano ai prezzi raccomandati di entrambi i prodotti (+1,5 cent euro/litro sulla benzina, +1 sul diesel) accompagnata da TotalErg (rispettivamente +1 e +0,5) e Esso (+1 solo sulla benzina). Piu’ nel dettaglio, a livello Paese, secondo quanto risulta in un campione di stazioni di servizio che rappresenta la situazione nazionale per il Servizio Check-Up Prezzi QE, il prezzo medio praticato della benzina (sempre in modalita’ “servito”) va oggi dall’1,862 euro/litro di Eni all’1,876 di IP e Tamoil (no-logo a 1,783). Per il diesel si passa dall’1,773 euro/litro sempre di Eni all’1,783 di Tamoil (no-logo a 1,655). Il gpl infine e’ tra 0,843 euro/litro di Eni e 0,857 di IP (no-logo a 0,807).

18/02/2013 – 11:53 – Redattore: BS

Autore: BS – Helpconsumatori.it