Banche. Occorre modificare il rapporto con l’utente

Banche. Occorre modificare il rapporto con l'utente  Si dice che le banche ti prestano l’ombrello quando c’e’ il sole e te lo ritirano quando piove. Non aggiungiamo altre considerazioni ma il significato e’ evidente. Eppure, gli italiani sono affezionati alla propria banca, probabilmente per pigrizia o per i rapporti interpersonali con i bancari o, anche, per le procedure burocratiche, e relativi errori, che comporterebbe il cambiamento. La maggior parte dei prodotti finanziari e’ collocato tramite le banche, il che significa che c’e’ un rapporto fiduciario con la banca e, aggiungiamo, una buona capacita’ di convinzione dei funzionari bancari. Occorre, pero’, visti i problemi passati e presenti, modificare la “cultura bancaria” con questi tre obiettivi: 1. Le banche dovrebbero mettere i clienti in primo luogo, non le vendite. 2. Le banche dovrebbero rispettare standard professionali e rispettare un codice di comportamento. 3. Le banche dovrebbero essere punite quando omettano informazioni per una corretta valutazione dei prodotti finanziari.

Vero e’ che qualche passo avanti e’ stato fatto, ma le recenti vicissitudini di una banca importante come MPS, getta un’ombra, o di piu’, su come sono gestiti i rapporti delle banche con la clientela.

Autore: ADUC – Associazione diritti utenti e consumatori – Aduc.it