Aumenta a marzo il fabbisogno statale

Nel mese di marzo 2013 il fabbisogno del settore statale si è attestato, in via provvisoria, a circa 21.400 milioni, rispetto ai 17.867 milioni di marzo 2012.

L’aumento è da attribuirsi a maggiori rimborsi in conto fiscale, a maggiori erogazioni alle Ferrovie S.p.A. ed a più elevati pagamenti di interessi sul debito, per effetto di una diversa modulazione delle scadenze.

Il fabbisogno risente, inoltre, della sottoscrizione dell’aumento di capitale della Banca Europea per gli Investimenti (BEI) per la quota azionaria pari al 16,17 per cento, con relativo versamento in un’unica tranche di circa 1.600 milioni.

Al netto di tali fattori peggiorativi dovuti ad anticipi di pagamenti – già considerati nelle stime annue – pari a circa 6.000 milioni, il fabbisogno del mese sarebbe risultato pari a circa 15.500 milioni.

Il fabbisogno del mese registra un andamento delle entrate fiscali in linea con le previsioni annuali.