Usa: un’altra stagione di guadagni molto impressionante

Sembra prematuro parlare di una curva invertita mentre siamo nel bel mezzo di un’altra stagione di guadagni molto impressionante considerando anche che oggi il PIL trimestrale Usa è probabile che vedrà il picco di questo ciclo.

Usa pil wall streetIl rapido appiattimento della curva dei rendimenti Usa, che recentemente ha visto scendere il gap tra i rendimenti del Tesoro a 2 anni e quelli a 10 anni a soli 24 punti base, ora dovrebbe fermarsi e dare un po’ di tregua.

Questo significativo appiattimento si è verificato quando la Fed ha manifestato la propria determinazione nel portare avanti la normalizzazione delle politiche, con quattro aumenti previsti per l’anno solare 2018, che porterebbero il limite superiore del tasso dei Fed Fund al 2,5% entro la fine dell’anno. Con i grafici dot plot che segnalano altri quattro aumenti nel 2019, è facile vedere la curva dei rendimenti invertirsi nei prossimi 12 mesi. Il divario tra tassi a due anni e i Fed Fund è attualmente di 66 punti base, ed è stato a 50 pb o poco più per qualche tempo, poiché i mercati hanno capito che la Fed concretizzerà le sue proiezioni. Se questa breve parte della curva dovesse mantenere la sua pendenza, allora a fine anno e con i Fed Funds al 2,5% potremmo avere una curva inversa con tassi a due anni superiori al 3% e rendimenti a 10 anni ancora inferiori al 3%.

Sembra piuttosto prematuro parlare di una curva invertita mentre siamo nel bel mezzo di un’altra stagione di guadagni molto impressionante considerando anche che oggi il PIL trimestrale degli Stati Uniti è probabile che vedrà il picco di questo ciclo. Allora, perché la curva è diventata così piatta?

Ci sono state due forze all’opera. Il front-end è stato costantemente in crescita con ogni aumento dei tassi, mentre il lungo termine ha accelerato, con tassi di 10 anni che scendono dal loro 3,12% nel mese di maggio fino al tra il 2,80-2,90%, dove hanno trascorso la maggior parte del mese scorso o giù di lì. Queste due forze opposte hanno causato il massiccio appiattimento della curva.

Il lungo termine ha vissuto un’ondata di cattive notizie di mercato nel corso degli ultimi tre mesi, e ciò ha fatto tornare di moda i Treasury di lunga data. Un mix inebriante di preoccupazioni per una guerra commerciale, guai Emerging Market dalla Turchia, Argentina e Brasile, e l’incertezza politica in Europa, hanno spaventato i mercati. La Fed, tuttavia, rimane risoluta e sta esaminando tutto questo, segnalando una ripresa continua e resiliente, un miglioramento dei mercati del lavoro e una graduale, ma non preoccupante, ripresa dell’inflazione. Quindi, in breve, la Fed non vede problemi, ma i mercati sì – la combinazione perfetta per un appiattimento della curca a 2anni/10anni.

Tuttavia, l’ondata di cattive notizie è in diminuzione in quanto è stata lentamente sopraffatta da fondamentali positivi a livello aziendale, e buone notizie a livello macro probabilmente si aggiungeranno domani con l’atteso cycle high print nel PIL degli Stati Uniti. Il Presidente degli Stati Uniti Donald Trump e il Presidente della Commissione Europea Jean-Claude Juncker hanno raggiunto un accordo sulle tariffe USA/UE da un giorno all’altro, i politici italiani saranno presto in spiaggia, e le notizie negative provenienti dai mercati emergenti sembrerebbero essere già prezzate.

Di conseguenza, riteniamo che i tassi più a lungo abbiano la possibilità di aumentare nel corso dell’estate e che la curva dei rendimenti avrà una tregua, almeno temporanea. Come sempre potrebbero esserci “nuove notizie”, ma i fondamentali sembrano pronti a prendere il sopravvento sul sentiment.

Commento a cura di Mark Holman, CEO TwentyFour Asset Management