Unipol – Ligresti: progetto di fusione

unipolIl gruppo finanziario Unipol e i membri della famiglia Ligresti (Salvatore Ligresti, Jonella Ligresti, Giulia Ligresti e Paolo Ligresti), hanno sottoscritto una lettera di intenti non vincolante con la quale Unipol ha manifestato la propria disponibilità a perseguire un progetto di integrazione per fusione tra Unipol Assicurazioni, Premafin, Fondiaria Sai e Milano Assicurazioni, previa acquisizione delle azioni Premafin di titolarità delle società Limbo Invest, Canoe Securities, Hike Securities, IM.CO Immobiliare Costruzioni e Sinergia Holding di Partecipazioni, complessivamente pari al 51,287% del capitale sociale di Premafin, e conseguente promozione di una offerta pubblica di acquisto sulle residue azioni della stessa Premafin.

L’integrazione avverrebbe nell’ottica di salvaguardare la solvibilità attuale e futura di Premafin e Fondiaria Sai e sarebbe pertanto preceduta dalla ricapitalizzazione di Premafin, funzionale alla sottoscrizione della quota di propria competenza del deliberando aumento di capitale sociale di Fondiaria Sai.

Il nuovo gruppo disporrebbe delle risorse patrimoniali necessarie per supportare i propri progetti di sviluppo attraverso un aumento di capitale che verrebbe effettuato in Unipol. L’intento è di creare un operatore italiano di primario rilievo nel campo delle assicurazioni, in grado di competere efficacemente con i principali concorrenti nazionali ed europei e di generare valore per tutti i propri azionisti.

A titolo di corrispettivo per la compravendita delle suddette azioni Premafin, Unipol corrisponderebbe un prezzo unitario per ciascuna azione pari ad Euro 0,3656 e, dunque, complessivi Euro 76.941.060.

Unipol ha ottenuto dalla famiglia Ligresti la disponibilità a stipulare con ciascuno dei suoi componenti un patto di non concorrenza di durata quinquennale nel settore assicurativo con l’impegno a non avvalersi dei loro consolidati rapporti con la rete di agenzie e la clientela del gruppo Fonsai. Unipol riconoscerebbe a fronte di tale impegno un corrispettivo annuo lordo pari ad Euro 700.000 ciascuno.