Trimestre nero per i Fondi, in forte calo la raccolta netta

In netta flessione la raccolta netta di fondi che scivola a +935 mln da 27,5 mld. In recupero gli obbligazionari e i flessibili.

risparmio gestito raccolta netta fondiSulla base dei dati diffusi da Assogestioni, l’industria del risparmio gestito italiano ha archiviato il secondo trimestre del 2016 con un saldo di raccolta netta leggermente positivo (+935 milioni di euro), ma in netto calo e ben lontano dai 27,5 mld del primo trimestre dell’anno in corso.

In leggero aumento il patrimonio gestito che a fine giugno sale a 1.871 miliardi di euro dai 1.856 miliardi di fine marzo 2016.

Il 52,2% degli asset sono investiti nelle gestioni di portafoglio (da 960 miliardi a 976 miliardi di euro). Stabili le masse gestite che chiudono il secondo trimestre con asset pari a 895 miliardi di euro.

I fondi bilanciati hanno segnato nel secondo trimestre una raccolta netta di +624 milioni da +957 milioni e gli hedge di -1 milioni da -94 milioni. Per i fondi di diritto italiano il trimestre si è chiuso con sottoscrizioni per 1,93 miliardi, contro -1,38 miliardi nei primi tre mesi dell’anno.

Tra i fondi aperti, i monetari registrano un -7,1 miliardi contro +7,7 miliardi, gli azionari -2,7 miliardi da +1,2 miliardi, in recupero gli obbligazionari con un +3,7 miliardi da +361 milioni. In ripresa anche i fondi flessibili che segnano +4,6 miliardi da +3,2 miliardi.

Per i fondi di diritto estero il saldo è negativo per -2,9 miliardi contro i +14,8 miliardi del trimestre precedente.