Trimestrale Cairo Communication: editoria, prosegue la strategia di crescita del gruppo

Nel primo trimestre 2013, ancora caratterizzato dal permanere di significativi fattori di incertezza a livello di quadro economico generale e dei mercati di riferimento, il Gruppo Cairo Communication ha:

– continuato a conseguire risultati fortemente positivi proseguendo la strategia di crescita;

– consolidato i risultati dei settimanali lanciati nel corso del 2012 e continuato a supportare gli elevati livelli qualitativi e diffusionali del proprio portafoglio testate;

– perseguito il miglioramento dei livelli di efficienza raggiunti nel contenimento dei costi di produzione, editoriali e di distribuzione, con una serie di interventi che manifesteranno i loro effetti principalmente a partire dal secondo trimestre;

– conseguito risultati comunque fortemente positivi, nonostante la contrazione dei ricavi pubblicitari per effetto dell’andamento del mercato di riferimento;

– sottoscritto un contratto con Telecom Italia Media per l’acquisto dell’intero capitale di La7, con esclusione della partecipazione da questa detenuta in MTV Italia.

Nel primo trimestre 2013, i ricavi lordi consolidati sono stati pari a circa Euro 67,5 milioni (Euro 88,6 milioni nel primo trimestre 2012), comprensivi di ricavi operativi per Euro 66 milioni ed altri ricavi per Euro 1,5 milioni, nel complesso in flessione del 23,8% rispetto al 2012 per effetto dell’andamento del mercato pubblicitario (secondo i dati AC Nielsen, infatti, i mercati pubblicitari televisivo e dei periodici nel bimestre gennaio-febbraio hanno perso il primo il 16,1% ed il secondo il 21,6% rispetto al periodo analogo dell’esercizio precedente).

Peraltro, per una valutazione dell’andamento dei ricavi, occorre ricordare che nel trimestre con cui ci si raffronta (il primo del 2012) i ricavi del Gruppo erano cresciuti nel complesso del 22,8% ed in particolare i ricavi pubblicitari televisivi del 27,4% rispetto al 2011, in un mercato che nel primo trimestre 2012 era stato in calo dell’8,3% (dati AC Nielsen) rispetto al periodo analogo dell’esercizio precedente (2011).

Il margine operativo lordo (EBITDA) consolidato e il risultato operativo consolidato (EBIT) sono stati pari a circa Euro 5,8 milioni ed Euro 5 milioni, in flessione del 23% e del 25,6% rispetto al trimestre analogo del 2012 (rispettivamente Euro 7,5 milioni ed Euro 6,7 milioni), anche per effetto dell’assenza nel 2013 del “contributo carta” di Euro 0,9 milioni previsto nella Legge di Stabilità 2011 quale forma di “sostegno del settore editoriale” e rilevato nel primo trimestre 2012.

Il risultato netto di pertinenza del Gruppo è stato pari a circa Euro 3,8 milioni ed è in flessione del 20,5% rispetto a quello del trimestre analogo del 2012 (Euro 4,7 milioni).

Relativamente al settore editoriale, il margine operativo lordo (EBITDA) e il risultato operativo (EBIT) sono stati pari ad Euro 2,3 milioni ed Euro 2 milioni (rispettivamente Euro 2,65 milioni ed Euro 2,35 milioni nel periodo analogo dell’esercizio precedente).

A partire dal mese di aprile l’andamento dei ricavi pubblicitari ha cominciato a registrare un miglioramento, per effetto anche dell’importante crescita degli ascolti conseguita da La7. La crescita dei risultati di ascolto e quella dei ricavi pubblicitari sono normalmente correlate con un differimento temporale di alcuni mesi, legato al tempo necessario al mercato per reagire ai cambiamenti.

La posizione finanziaria netta consolidata al 31 marzo 2013 risulta positiva per circa Euro 68,7 milioni (circa Euro 61,2 milioni al 31 dicembre 2012). Si ricorda che l’Assemblea degli Azionisti del 29 aprile 2013 ha deliberato la distribuzione di un dividendo lordo di 0,27 Euro per azione, dei quali 0,13 euro già distribuiti a titolo di acconto.

Il saldo del dividendo di 0,14 euro per azione è distribuito con data stacco cedola il 13 maggio 2013 e valuta il 16 maggio 2013.

Pur operando in questo contesto, Cairo Communication considera realizzabile anche per il 2013 l’obiettivo di conseguire risultati gestionali fortemente positivi.