Seduta interlocutoria a Piazza Affari, FTSE Mib +0,18%

Cautela a Piazza Affari in attesa del verdetto della Fed. L’FTSE Mib (+0,18%) resta agganciato alla soglia nevralgica dei 22000 punti (22099).

Seduta sostanzialmente inside per l’FTSE Mib che, nel giorno in cui il Fomc, presieduto da Janet Yellen, deciderà sul rialzo o meno dei tassi di interesse, avanza con cautela ed archivia la seduta a 22099 punti, in moderato progresso dello 0,18%. L’agenzia di rating Moody’s ha dichiarato che l’eventuale rialzo del costo del danaro, e quindi l’inizio di una politica monetaria restrittiva, avrà effetti negativi soprattutto per Brasile, Russia, Turchia e Sudafrica, mentre l’impatto per l’economia Usa sarà minimo, considerato che l’aumento sarà probabilmente di un quarto di punto e che ulteriori rialzi saranno molto graduali.

A Piazza Affari segno meno per Bca Popolare Emilia Romagna (-1,97% a 7,73 euro), Bca Mps (-1,49% a 1,718 euro), CNH Industrial (-1,11% a 6,68 euro), Eni (-0,79% a 14,99 euro), Telecom Italia (-0,72% a 1,101 euro), Enel (-0,69% a 4,024 euro), UnipolSai (-0,69% a 2,018 euro), Finmeccanica (-0,56% a 12,43 euro) STM (-0,31% a 6,37 euro), Snam (-0,13% a 4,50 euro), Pirelli & C. (-0,07% a 15,04).

Acquisti invece su Autogrill (+4,91% a 8,445 euro), Moncler (+2,26% a 16,28 euro), Atlantia (+2,01% a 24,81 euro), Bca Pop Milano (+1,46% a 0,9410 euro), Exor (+1,28% a 42 euro), Buzzi Unicem (+1,22% a 15,78 euro), Banco Popolare (+1,17% a 14,67 euro), Mediaset (+1,09% a 4,466 euro), Luxottica (+0,91% a 60,70 euro), Intesa Sanpaolo (+0,88% a 3,20 euro), Yoox (+0,82% a 28,33 euro), Prysmian (+0,80% a 20,18 euro), Mediobanca (+0,78% a 9,035 euro), FCA (+0,76% a 13,24 euro), Mediolanum (+0,73% a 6,915 euro), Campari (+0,70% a 7,165 euro), Terna (+0,66% a 4,272 euro), Generali Ass. (+0,55% a 16,50 euro), UBI Banca (+0,51% a 6,925 euro), Saipem (+0,43% a 8,255 euro), Tenaris (+0,35% a 11,60 euro), S. Ferragamo (+0,29% a 24,21 euro), EGP (+0,24% a 1,668 euro), Azimut (+0,1% a 20,63 euro), A2A (+0,09% a 1,151 euro), Unicredit (+0,09% a 5,82 euro).