Ripresa economica eurozona solida e in espansione

Migliora l’outlook dell’eurozona e i rischi di un peggioramento delle prospettive di crescita sono in ulteriore calo così come la deflazione.

ripresa economica eurozonaLa ripresa economica nell’eurozona è sempre più solida e si sta espandendo a sempre più settori e Paesi. I rischi di un peggioramento delle prospettive di crescita sono in ulteriore calo e alcuni dei rischi estremi, come quelli di deflazione, che stavano emergendo alla fine dell’anno scorso, sono nettamente in calo. Guardando oltre le variazioni nell’inflazione complessiva degli ultimi mesi, le pressioni sui prezzi di base continuano a essere limitate. Le pressioni interne, in particolare quelle dai salari, non sono ancora sufficienti per sostenere una convergenza duratura e autonoma dell’inflazione verso il nostro obiettivo di medio termine. Perchè queste pressioni si rafforzino, abbiamo ancora bisogno di un livello piuttosto consistente di accomodamento monetario” ha dichiarato il presidente della Bce, Mario Draghi, in un’audizione al Parlamento europeo.

Restiamo fermamente convinti che sia ancora necessario un livello straordinario di sostegno dalla politica monetaria, anche attraverso la nostra ‘forward guidance’, perchè il livello attuale di risorse non utilizzate possa essere assorbito e perchè l’inflazione ritorni e si stabilizzi in modo duraturo intorno a livelli vicini al 2% in un orizzonte di medio termine” ha aggiunto Draghi.

Nell’incontro di politica monetaria di giugno, il Consiglio direttivo avrà a disposizione l’aggiornamento delle proiezioni dello staff della Bce e un set più completo di informazioni sulla base del quale formulare la sua valutazione sulla distribuzione dei rischi sull’outlook più probabile di crescita e di inflazione” ha proseguito il Presidente della Bce.

L’outlook di crescita dell’eurozona sta migliorando e i rischi di un peggioramento sono in calo, tuttavia, tutti questi segnali positivi non ci devono distrarre dal fatto che è necessario un tasso di crescita strutturale più vivace e più elevata. In questo scenario è necessario che la crescita della produttività acceleri. E questo, a sua volta, ha bisogno di innovazione. Le riforme strutturali sono essenziali per creare uno scenario di business che porti all’innovazione e un quadro normativo che accompagni questo processo. A questo sforzo possono contribuire iniziative sia a livello nazionale sia a livello europeo” ha concluso Mario Draghi.