Le banche si riprendono la scena, focus sulle trimestrali italiane

Nel mese di maggio le maggiori banche di Piazza Affari comunicheranno i conti del primo trimestre 2017. La prima a presentare al mercato i risultati al 31 marzo 2017 sarà Intesa Sanpaolo.

banche piazza affariLe banche europee sono tornate protagoniste dopo il rally post elettorale francese. Il clima sembra tornato sfidante, grazie anche al vantaggio che i sondaggi attribuiscono al candidato pro Ue Emmanuel Macron per il ballottaggio del prossimo 7 maggio, e una vittoria di quest’ultimo potrebbe ulteriormente allontanare lo spettro di una frammentazione dell’eurozona e diramare le pressioni sui mercati delle obbligazioni governative.

L’insieme di questi elementi potrebbe favorire i tanti istituti di credito impegnati a migliorare la struttura di bilancio. Basti pensare che da inizio anno sono già tre le banche del Vecchio Continente che sono ricorse al mercato per raccogliere capitale fresco per rafforzare i loro requisiti patrimoniali.

In prima battuta la nostrana Unicredit, che fra febbraio e marzo ha raccolto 13 miliardi* di euro attraverso la più grande operazione di questo genere mai registrata a Piazza Affari, e poi l’ultima ricapitalizzazione di Credit Suisse da 4 miliardi* di franchi svizzeri che va ad aggiungersi a quella portata a termine da Deutsche Bank (8 miliardi*).

Il miglioramento della congiuntura economica, testimoniato dalla ripresa della produzione manifatturiera e dalle parole del governatore della Bce Mario Draghi che nella riunione della scorsa settimana ha indicato come “i rischi al ribasso sull’economia siano in diminuzione”, potrebbero ora consolidare questa nuova tendenza e favorire la definitiva ripartenza del settore.

Senza dimenticare la stagione delle trimestrali. Nel mese di maggio infatti le maggiori banche di Piazza Affari comunicheranno i conti del primo trimestre 2017. La prima a presentare al mercato i risultati al 31 marzo 2017 sarà Intesa Sanpaolo con l’attenzione che sarà focalizzata principalmente sulla qualità degli attivi, monitorata dagli investitori per valutare l’efficacia dei piani di smaltimento dei crediti deteriorati degli istituti tricolore.

*Fonte dati: Bloomberg

Analisi tecnica
Aprile si è concluso con un notevole miglioramento del quadro tecnico dell’Eurostoxx Banks. La candela rialzista di lunedì 24 aprile ha ridato direzionalità all’indice che ha superato la resistenza statica a 128,68 punti. Con questo movimento si è invertita la tendenza di breve registrata in aprile, e la rapida correzione di inizio mese si è spenta al confronto con il supporto statico collocato a 120 punti. In questo contesto il quadro tecnico si mantiene positivo, con le quotazioni che si trovano ancora all’interno del canale rialzista in formazione dal 6 luglio 2016, anche se rimane da valutare il comportamento dell’indice al confronto con la trendline di lungo periodo che congiunge i due minimi del 9 gennaio e 29 settembre 2015. La presenza di questa resistenza di matrice dinamica potrebbe infatti determinare delle correzioni di breve che avrebbero come obiettivo il test di cambio di stato della ex resistenza citata ad inizio analisi.

(Tutte le date e i dati numerici nel testo di cui sopra sono tratti da Bloomberg) ftsemib grafico 1 anno 5 anni

Commento a cura di Vontobel Certificati