Mps: slitta l’aumento di capitale, occhi puntati su Piazza Affari

L’assemblea degli azionisti del Montepaschi di Siena ha approvato la proposta della Fondazione Mps di posticipare l’aumento di capitale alla fine del secondo trimestre 2014 (giugno).

Mps, aumento di capitale, Piazza AffariHa votato a favore l’ 82,04% del capitale presente in sala, contrario l’1,07%. Alessandro Profumo, presidente di Mps, ha così risposto al sindaco Bruno Valentini, preoccupato dall’arrivo di capitali stranieri, “Da dove arrivino i 3 miliardi mi interessa poco: se la banca è ben gestita e arrivano i 3 miliardi resta a Siena altrimenti sparisce”.

Gli occhi sono già puntati su Piazza Affari. Dopo lo strappo tra i vertici della banca e la presidente della Fondazione Antonella Mansi, che ha ottenuto il rinvio dell’operazione di cinque mesi, domani il titolo va alla prova mercati. Venerdì il titolo, col rinvio dell’assemblea in seconda convocazione per il mancato raggiungimento del quorum, ha perso il 2,15% scendendo a 0,17 euro. Tutto questo avviene in una città che non ha più il potere di pochi anni fa e che non è più in grado di gestire da sola quella che è diventata la terza banca italiana.