Mps approva l’aumento di capitale fino a 3 miliardi di euro e convoca l’assemblea degli azionisti

Il CdA di Mps proporrà all’Assemblea degli Azionisti un aumento di capitale a pagamento per un importo massimo complessivo di 3 miliardi di euro.

L’aumento di capitale prevede l’emissione di nuove azioni ordinarie con godimento regolare da offrirsi in opzione ai soci titolari di azioni ordinarie di Banca Monte dei Paschi di Siena. La proposta di aumento di capitale rientra tra le azioni individuate dal management di Banca Monte dei Paschi di Siena nell’ambito del Piano di Ristrutturazione 2013-2017, i cui obiettivi e azioni saranno comunicati al mercato dopo l’approvazione della Commissione Europea.

L’aumento di capitale consetirà a Mps di ottemperare agli impegni del programma di rimborso dei Nuovi Strumenti Finanziari così come previsto dal Piano di Ristrutturazione, e per far fronte agli oneri correlati al coupon 2013, pagabile nel 2014, relativo ai Nuovi Strumenti Finanziari e ai costi dell’aumento di capitale stesso.

Il CdA proporrà all’Assemblea degli Azionisti il raggruppamento delle azioni nel rapporto di 1 nuova azione ordinaria per ogni 100 azioni ordinarie esistenti, da eseguirsi prima dell’inizio dell’aumento di capitale, nei tempi e secondo le modalità che saranno concordate con Borsa Italiana e le altre Autorità competenti.

Subordinatamente all’ottenimento delle autorizzazioni da parte degli Azionisti e delle Autorità competenti, l’aumento di capitale in opzione dovrebbe realizzarsi entro il primo trimestre 2014.

L’Assemblea ordinaria degli Azionisti, convocata per il 27 e, occorrendo, per il 28 dicembre 2013 dovrà esprimersi sulla nomina di quattro Amministratori, cooptati fino alla data della prossima Assemblea ovvero Beatrice Bernard, Marina Rubini, Daniele Discepolo e Marco Miccinesi e sulla richiesta di autorizzazione alla vendita di azioni proprie detenute da Banca Monte dei Paschi di Siena.