Monte dei Paschi di Siena: la perdita netta 2012 supera quota 3 miliardi di euro

L’assemblea ordinaria del Monte dei Paschi di Siena ha approvato oggi il bilancio di esercizio 2012 che si chiude con una perdita netta pari a 3.122.307.528 di euro (perdita netta consolidata è pari a 3.170.334.574 euro).

Inoltre, la correzione degli errori, riportata nel capitolo “Rettifica dei saldi dell’esercizio precedente in conformità alle disposizioni IAS 8 (Principi contabili, cambiamenti nelle stime contabili ed errori)”, ha comportato effetti negativi imputati a patrimonio netto per 817.673.924 euro.

L’Assemblea ha deliberato di coprire la perdita di esercizio di 3.122.307.528 euro, nonché le Perdite esercizi precedenti da re-statement ex IAS 8 per 817.673.924 euro, mediante prelievo:

– di un importo pari a 667.175 euro dalla Riserva Avanzo di fusione (quota libera);

– di un importo pari a 1.298.466.138 euro dalla Riserva Statutaria;

– di un importo pari a 163.793.855 euro dalla Riserva Speciale L. 218/90;

– di un importo pari a 112.315.775 euro dalla Riserva D. Lgs. 185/2008 art. 15 comma 16 e ss.;

– di un importo pari a 45.379.016 euro dalla Riserva L. 266/2005;

– di un importo pari a 575.027.160 euro dalla Riserva ex art. 19 D.Lgs. 87/92;

– di un importo pari a 669.747.765 euro dalla Riserva Avanzo di fusione (quota vincolata a obblighi di riserva legale);

– di un importo pari a 572.054.346 euro dalla Riserva Legale;

– di un importo pari a 255.099.524 euro dalla Riserva da Sovrapprezzo di Emissione (quota vincolata a obblighi di riserva legale);

– di un importo pari a 159.194.641 euro dalla Riserva ex art.6 lettera a) D. Lgs. 38/2005 (con vincolo di ricostituzione).

A seguito dell’utilizzo di tali riserve, la perdita da riportare a nuovo risulta pari a – 88.236.057 euro. Al 31.12.2012 risultano iscritte riserve negative ex art. 6 comma 1 lettera b) D. Lgs. 38/2005 per 2.256.616.296 euro.

E’ stato eletto quale Vice Presidente del Consiglio di Amministrazione il Dott. Pietro Giovanni Corsa, nonché approvato il Regolamento Assembleare e la Relazione sulla Remunerazione prevista dall’art. 123-ter del Testo Unico della Finanza.

L’Assemblea ha inoltre deliberato l’esercizio dell’azione di responsabilità, proposta dal CdA e avviata avanti il Tribunale di Firenze, nei confronti dell’ex Presidente del Consiglio di Amministrazione, Avv. Giuseppe Mussari, nonché dell’ex Direttore Generale, Dott. Antonio Vigni per tutti i danni subiti e subendi dalla Banca in relazione all’operazione realizzata con Nomura Int. Plc, e nei confronti dell’ex Direttore Generale, Dott. Antonio Vigni, per tutti i danni subiti e subendi dalla Banca in relazione all’operazione realizzata con Deutsche Bank AG.