Legge di Stabilità: uno sbaglio vendere quote Eni

Legge di Stabilità. “In Italia continuiamo a viaggiare in controtendenza, Eni rappresenta il gioiello energetico per l’Italia, e invece, si inizia a svendere per fare cassa“.

Dopo la decisione del Consiglio dei Ministri sull’ondata delle partecipazioni dello Stato e privatizzazioni di alcune aziende pubbliche (Legge di Stabilità), il Presidente della FederPetroli Italia Michele Marsiglia ha dichiarato “In Italia continuiamo a viaggiare in controtendenza, l’ENI è un gioiello e rappresenta il gioiello energetico per l’Italia, ENI è l’Italia ed invece, si inizia a svendere per fare cassa. L’ENI non va svenduta, vanno dismessi e semmai ceduti alcuni Asset non più strategici e redditizi, acquisendone altri più remunerativi o dove si è già focalizzato un piano di investimento. Non si capisce che un’azienda energetica di Stato rappresenta una fonte principale di ricchezza interna. L’energia da petrolio, gas o altre forme, è un bene comune importante e stategico questo non è il momento di fare cassa immediata toccando le risorse più produttive, per poi trovarsi fra qualche anno in situazione di default nazionale, operazioni di buy-back in questo momento non danno equilibrio alla linea politica ed economica“.

FederPetroli Italia anticipa anche i prossimi passi strategici in materia di politica energetica nazionale. “Con l’inizio del nuovo anno chiederemo alla X Commissione Attività produttive, commercio e turismo della Camera dei Deputati, la possibilità di una nuova Indagine conoscitiva in merito alla definizione di una Politica Energetica Nazionale, incisiva e ben delineata. Saranno esposte problematiche in materia di ridefinizione dei piani occupazionali, raffinazione, royalties, sicurezza, ambiente, infrastrutture, rete carburanti, depositi, logistica integrata, autorizzazioni e conflitti di interesse con le Autorità competenti. Sono ancora tanti i gap nell’industria petrolifera italiana ed in questo modo non riusciamo a definire un piano di investimenti nelle nostre aziende. Se l’Unione Europea vuole l’adeguamento alla norme delle nostre strutture, vogliamo anche una risposta chiara e concreta ai nostri problemi. Siamo pronti ad investire, ma lo Stato adesso deve darci garanzie altrimenti importanti investimenti saranno focalizzati all’estero” ha concluso Marsiglia. FederPetroliItalia.org