Lavoro: detassazione produttivita’ straordinari. Requisiti, domande e scadenze

Con l’ultima legge di stabilita’ e’ stato confermato anche per l’anno 2013 la detassazione dei salari relativi a straordinari, lavoro notturno, ed elementi legati all’incremento di produttivita’.

L’agevolazione concessa alle imprese ed ai lavoratori contribuenti con reddito annuo non superiore ai 40.000, consiste nell’applicazione di una imposta sostitutiva dell’Irpef pari al 10%.

Pertanto i lavoratori pagano il 10% di imposta sostitutiva in luogo delle aliquote Irpef previste per scaglioni di reddito dal TUIR.

La retribuzione di produttivita’ individualmente riconosciuta che puo’ beneficiare dell’imposta sostitutiva, non puo’ comunque essere complessivamente superiore, nel corso dell’anno 2013, ad euro 2.500 lordi di retribuzione percepita, nell’anno 2012.

Ne consegue quindi che tutti gli elementi di incremento della produttivita’ legati alla detassazione, come ad esempio il lavoro notturno, straordinario, festivo, ecc., non possono superare la retribuzione di 2.5000 euro annui lordi.

O meglio, fino a 2.500 euro godono dell’agevolazione fiscale dell’imposta sostitutiva al 10% (in luogo dell’Irpef che come minimo e’ al 23% e poi sale la percentuale per scaglioni di reddito). Oltre si applicano le normali aliquote Irpef del 23% fino

LA DOMANDA

Entro il 13 maggio vanno depositati presso la direzione territoriale del lavoro (dtl), assieme ad una autodichiarazione di conformita’ alla nuova disciplina, gli accordi sottoscritti entro il 13 aprile, data di entrata in vigore del dpcm 22 gennaio che disciplina il bonus fiscale per il 2013.

ATTENZIONE: senza accordo niente bonus.

Per il riconoscimento dell’agevolazione un ruolo fondamentale e’ dunque svolto dal contratto. Non tutti i contratti sono efficaci per la detassazione ma soltanto quelli aziendali e territoriali (restano fuori quindi i contratti nazionali). Non solo; ma i predetti contratti devono anche essere sottoscritti da sigle sindacali comparativamente piu’ rappresentative sul piano nazionale.

Al deposito degli accordi aziendali deve provvedere l’azienda interessata; al deposito degli accordi territoriali, invece, puo’ provvedervi anche una sola delle associazioni firmatarie, senza necessita’ che il deposita venga ripetuto poi dalle imprese che quell’accordo territoriale concretamente applicano.

05 / 04 / 2013

 

Lavoro

 

Scrivi il tuo commento sulla pagina ‘Lavoro: detassazione produttivita’ straordinari. Requisiti, domande e scadenze ‘

 

 

 

Lavoro Economia SoldiAutore: redazione – Finanzautile.org