Iniziare a investire in borsa: consigli per principianti

Consigli pratici su come affrontare il mercato azionario ed investire in borsa senza farsi prendere dall’ansia.

investire in borsaIl mercato azionario può apparire per molti come un qualcosa di poco chiaro a tratti anche scoraggiante. Per questo motivo oggi cercheremo di dare dei consigli a tutti i principianti che vogliano iniziare a investire in borsa senza farsi prendere dalla paura di sbagliare.

Iniziamo dalle basi. Le borse sono costituite da titoli azionari e questi superano come liquidità quasi sempre altri titoli come le obbligazioni specialmente in periodi medio lunghi. Come sappiamo i soldi parcheggiati sul conto corrente ormai non rendono più. I tassi ed rendimenti offerti dagli istituti bancari sono veramente bassi.

Principi di investimento

In Italia il principale mercato azionario è dato dalla Borsa di Milano in cui è possibile acquistare titoli di società quotate come altri strumenti finanziari come titoli di stato e altri strumenti. Per acquistare e vendere principalmente si ha bisogno di figure di intermediazione.

Per facilitare la comprensione e gli scambi cominciamo col dire che il mercato azionario è diviso in indici. Il più famoso in Italia è l’FTSE Mib ma ci sono altri indici come quello dei migliori titoli. Negli altri paesi funziona allo stesso modo. Ad esempio alla Borsa di Londra (London Stock Exchange) c’è il FTSE 100 che comprende le migliori 100 società londinesi, a New York c’è il NASDAQ ad esempio e così via per le altre piazze affari.

Come investire direttamente

Due sono i metodi principali per investire : direttamente o indirettamente. In realtà il termine è un po’ improprio perchè, come abbiamo ricordato prima, le operazioni di compravendita vengono fatte sempre tramite un intermediario o mediatore. In ogni caso investire in maniera diretta significa acquistare fisicamente i titoli delle azioni di una o più società. In questo caso di diventa a tutti gli effetti un azionista.

La tendenza attuale è invece un po’ diversa. Una analisi che potete leggere su http://ilcorsivoquotidiano.net/mercati-azionari/investire-in-borsa.html evidenzia come oggi si tenda ad utilizzare di più strumenti finanziari indiretti come ad esempio i derivati. In pratica molte società offrono e mettono a disposizione di clienti delle piattaforme online dove si possono acquistare e vendere titoli senza dover passare da un mediatore. In realtà l’intermediazione c’è sempre insieme a piccoli costi da sostenere.

La difficoltà per molti principianti è quella di trovare delle fonti affidabili su cui informarsi prima di compiere qualsiasi tipo di informazione evitando così di affidarsi a società di consulenza o ai servizi offerti dalla propria banca. In questo modo si è svincolati dal dover aprire un conto corrente bancario per fare i propri investimenti. Ad esempio il nostro portale TendenzaMercati vi offre ogni giorno dei consigli pratici che siamo sicuri sono utili per molti lettori.

Investire indirettamente

L’approccio indiretto è leggermente diverso. Nel Regno Unito ad esempio, dove le società di investimento proliferano, si può investire tramite i fondi oppure investendo nelle società stesse di intermediazione. Bisogna, però, valutare quali sono i rischi di questi fondi che in teoria dovrebbero essere svincolati da chi li fornisce per evitare il classico conflitto di interessi.

Ad esempio i fondi comuni rappresentano un investimento molto simile alle società per azioni ma sono meno onerosi. Questo evita al principiante di dover prendere delle decisioni difficili da soi perchè il lavoro “sporco” viene fatto da qualcun altro.

Tipici esempi sono i derivati oppure gli ETF, un prodotto di tipo passivo che sta per Exchange Traded Fund. Questi strumenti consentono di replicare interamente un indice come il FTSE Mib ad esempio. Rispetto ad un fondo tradizionale dunque ci sono dei costi più bassi ma anche dei rischi elevati. Tuttavia, sfruttando un broker ad esempio, non si diventa azionisti delle società ma si fa trading online a tutti gli effetti speculando sul prezzo del titolo o sulla quotazione dell’indice.

A cosa fare attenzione

Ci sono degli aspetti da considerare per essere consapevoli quando si investe nel mercato azionario. Innanzitutto è necessario stabilire qual è il capitale da investire, in quanto tempo e quanto si è disposti a perdere.

Purtroppo le storie ed i racconti sul web che si leggono di studenti o investitori sono diventati ricchi non aiutano a comprendere i rischi che ogni investimento comporta. Bisogna essere disposti ad accettare e tollerare le perdite perchè ci potrebbero essere.

Fate poi attenzione ai costi di intermediazione. Acquistare un titolo tramite la banca ha un costo, investire in derivati o ETF ha un costo diverso. Valutate pro e contro per scegliere quale investimento è più in linea con le vostre aspettative.

Attenzione inoltre alle notizie. Non vi fate influenzare solo perchè le performance di una azione sono alle stelle. Probabilmente questo potrebbe essere un segnale che su quel titolo sono già stati realizzati ampi guadagni.

Vogliamo concludere con una regola che non necessariamente deve essere rispettata. Un investimento dovrebbe essere mantenuto per qualche anno per poter fare una valutazione, altrimenti potete rivolgervi ad altri strumenti meno impegnativi dal punto di vista temporale.