FTSE Mib +1,10%, per JP Morgan potenziale di crescita ancora elevato

Riprende la via del rialzo l’FTSE Mib. Per JP Morgan il mercato azionario italiano ha un potenziale di crescita ancora elevato.

Avvio d’ottava all’insegna del rialzo per l’indice FTSE Mib che chiude gli scambi in progresso dell’1,10% a 23966 punti. I mercati hanno beneficiato del buon ritmo dei negoziati tra la Grecia e i creditori internazionali sul piano di aiuti da 80 miliardi che potrebbe sfociare in un accordo a breve.

Hanno contributo all’ottimismo di Piazza Affari le previsioni di JP Morgan sul mercato azionario italiano che, pur avendo registrato la migliore performance tra le piazze europee da inizio anno, ha un potenziale di crescita ancora elevato essendo l’Italia il Paese che trae i maggiori benefici dall’inversione di tendenza sul mercato del credito.

Tra i titoli su cui puntare gli analisti di JP Morgan consigliano i bancari, dopo che la maggior parte degli istituti di credito ha sorpreso positivamente con le recenti trimestrali, seguiti da Generali, Buzzi Unicem, Enel, Snam e Telecom Italia. Per molte di queste imprese si prevede un grande potenziale di aumento della redditività.

In evidenza oggi sull’FTSE Mib Banco Popolare (+3,55% a 16 euro), Bca Mps (+1,21% a 1,994 euro), Banca Popolare Emilia Romagna (+0,68% a 8,075 euro), Intesa SanPaolo (+1,45% a 3,486 euro), UBI Banca (+0,54% a 7,33 euro), Unicredit (+1,43% a 6,38 euro) e Mediolanum (+1,24% a 7,755 euro).

Moderate vendite su Enel Green Power (-0,27% a 1,879 euro) e S. Ferragamo (-0,13% a 30,19 euro).