FOMC : si confermano le attese dei mercati sull’ avvio del tapering a settembre

Abbiamo appreso molto poco dalle minute dell’ultima riunione del FOMC della Federal Reserve, pubblicate la scorsa settimana.

I verbali redatti nel corso del meeting del FOMC segnalano che per ‘un numero’ di membri le attese del mercato sul percorso di politica monetaria sono state “ben allineate con le proprie aspettative”. Inoltre, non sono state date nuove informazioni in merito a quanto rapidamente gli acquisti di asset saranno ridimensionati.

Allora a cosa è dovuta l’eccitazione dei mercati? Perché i rendimenti decennali sono arrivati vicini a superare la soglia del 3% ?

La spiegazione è riconducile al fatto che “no news” sono state “good news”. In altre parole, nelle minute del FOMC non era contenuto nulla che potesse modificare le attese dei mercati sull’ avvio del tapering a settembre.

Con i rendimenti in rialzo durante un periodo di bassa liquidità, sono state le valute dei paesi emergenti ad accusare il colpo della sotto performance rispetto al Dollaro Americano.

Tuttavia, il biglietto verde ha chiuso la settimana in sordina, dopo che il dato sulle vendite di abitazioni è risultato sostanzialmente inferiore alle attese, registrando un calo del 13,4% m/m. Di conseguenza si sono intensificati i timori sulla possibilità che l’aumento dei tassi sui mutui possa ostacolare la ripresa del settore immobiliare e pesare sul ritmo della normalizzazione della politica monetaria americana.

FOMC fed

Tuttavia, secondo noi, il dato sull’ occupazione (atteso il 6 settembre), dovrebbe avere giocare un ruolo più importante nel dibattito sul tapering. A meno di risvolti molto negativi, ci aspettiamo che il tapering inizi il mese prossimo e continuiamo a prevedere ulteriori rialzi per i rendimenti americani e il Dollaro Americano.

Commento di Sara Yates, Global FX Strategist di J.P. Morgan Private Bank