Case. Crollano le vendite

La crisi incide profondamente sul mercato immobiliare. Secondo i dati diffusi dall’Agenzia del Territorio infatti le compravendite di immobili residenziali sono scese nel terzo trimestre del 26,8%, mentre il totale delle compravendite immobiliari ha fatto registrare una flessione del 25,8%. La flessione del terzo trimestre e’ la peggiore dal 2004. ‘Se il trend prosegue anche nel terzo trimestre – ha commentato Gianni Guerrieri, direttore centrale Omise dell’Agenzia del Territorio – e’ possibile che si arrivi a meno di 500 mila unita’ compravendute nell’anno, dato che ci riporta a meta’ degli anni ’80’. ‘Il crollo delle compravendite – ha poi aggiunto Guerrieri – e’ antecedente all’Imu, anche al solo parlare dell’imposta. Il problema non e’ connesso alla tassazione, ma e’ piu’ profondo, insito nel sistema economico’. La flessione a livello nazionale delle compravendite residenziali si riflette anche nelle maggiori otto citta’ italiane. Complessivamente, la maggiori citta’ del nostro paese registrano un calo tendenziale del 24%. In particolare, Bologna risulta essere la citta’ piu’ colpita, con un calo delle compravendite che sfiora il 30%. Forte ribasso anche per Palermo (-28,1%) e Roma, Milano e Firenze, tutte e tre intorno a ribassi del 27%. Diversa invece la situazione a Napoli, dopo il calo risulta essere piu’ contenuto, dello 0,4%. L’hinterland di Roma e’ invece il mercato con la flessione maggiore (-32,6%) con scambi immobiliari ridotti di quasi un terzo. Elevate infine anche le flessioni registrate nei comuni monori di Genova e Milano (-27% circa). I ribassi moniri si sono registrati a Firenze, Palermo e Napoli, tutti intorno al 15%.

Autore: ADUC – Associazione diritti utenti e consumatori – Aduc.it