BTP 50 anni: via libera alla prima emissione

Con il lancio del BTP 50 anni che prevede cedole semestrali con tasso annuo fisso, il MEF incrementerà la presenza sul comparto a lungo termine.

btp 50 anniA seguito di un’ampia indagine delle condizioni di mercato il Ministero dell’Economia e delle Finanze procederà all’emissione del primo BTP 50 anni nominale a tasso fisso.

Dopo la risposta positiva del BTP 20 anni, il MEF ha deciso di incrementare ulteriormente la presenza sul comparto a lungo termine, considerato il favorevole momento di mercato per questo genere di strumenti.

La nuova scadenza non andrà ad alterare la politica di emissione dei titoli tradizionali a lungo termine che continueranno ad essere regolarmente offerti negli appuntamenti d’asta di metà mese.

Il BTP 50 anni, che avrà scadenza 1° marzo 2067, sarà collocato attraverso un sindacato composto da Banca IMI, BNP Paribas, Goldman Sachs, HSBC France, JP Morgan e Unicredit.

La struttura del nuovo titolo ricalcherà quella dei BTP nominali emessi regolarmente: cedole semestrali con tasso annuo fisso definito al momento del lancio del titolo e rimborso alla pari.

La liquidità del titolo verrà garantita attraverso successive riaperture tramite asta ordinaria o sindacato, in base alle condizioni di mercato e alla domanda degli investitori.