Brusca inversione di rotta, Piazza Affari -1,93%

altBattuta d’arresto per le borse europee dopo la notizia del rallentamento a settembre dell’economia cinese sia per ciò che riguarda le esportazioni che le importazioni, a conferma che la frenata dell’economia è purtroppo globale.

Ciononostante non è da sottovalutare il dato positivo sulla produzione industriale italiana, salita ad agosto di oltre quattro punti percentuali, che se confrontato con il dato europeo fornito da Eurostat, che ha evidenziato una crescita della produzione industriale nell’area euro dell’1,2%, fornisce un segnale decisamente positivo in uno scenario di crisi profonda ben espresso dalla performance registrata dall’indice FTSE MIB che nel recente exploit rialzista ha incamerato un significativo 16%, sostenuto dal recupero del comparto finanziario e industriale.

In attesa di buone nuove la seduta odierna è al momento caratterizzata dal prevalere delle vendite su tutti i listini europei. Piazza Affari cede l’1,93%, il Dax tedesco lo 0,95%, il CAC 40 L’1,16%, l’Ibex 35 è in calo dell’1,17%.