Bpm: Fitch abbassa il rating di lungo, outlook negativo

La scure di Fitch si è abbattuta su Bpm – Banca Popolare di Milano – con la bocciatura a livello junk, per meglio dire titolo spazzatura, annunciata ieri sera.

L’agenzia di rating statunitense ha infatti abbassato il rating su Bpm a BB+ (non investment grade, spazzatura) da BBB- a causa dell’incertezza sulle strategie future di Bpm e sulla capacità di rafforzare la capitalizzazione a seguito del ritardo da parte degli azionisti dell’istituto di raggiungere un accordo sul come rafforzare la governance della banca.

L’outlook su Bpm è negativo in virtù del rating sovrano e Watch negativo per il viability rating che passa a BB- da BBB-.

Un taglio del rating sovrano dell’Italia rifletterebbe la minore capacità dello Stato di fornire aiuto e risulterebbe quindi in un ulteriore declassamento del rating di Bpm. Un upgrade del rating sarebbe invece possibile solo con un rafforzamento della governance, maggiori livelli di capitale e un miglioramento della qualità degli asset.